Home / Alessandria / Sport / Grigi / La Testa e la pancia – Rivoluzioni e continuità: ma qualcosa non va

La Testa e la pancia – Rivoluzioni e continuità: ma qualcosa non va

Il presidente Luca Di Masi ha svelato, in una attesissima conferenza stampa che abbiamo potuto seguire grazie alla magia dei moderni social networks, i piani del futuro prossimo dell’“Alessandria Calcio” e noi abbiamo alcune riserve. Andiamo per ordine: Di Masi ha incentrato il proprio lungo intervento sulla necessità di puntare sui giovani, sia propri che di altre squadre, e sull’impostazione di un lavoro di prospettiva che potrebbe, almeno nel prossimo campionato, non portare i risultati annunciati fino a oggi. Puntare sui giovani? Fare maggiore attenzione al bilancio? Tutto giusto ma, secondo noi, nel “Di Masi pensiero”, continua ad esserci qualche cosa che non va: il presidente non ha infatti colto quello che è l’unico vero segreto per poter arrivare alla vittoria e che tutte le squadre di successo, dalla Terza Categoria alla Coppa Intercontinentale, insegnano, cioè a dare la realizzazione di un progetto e un po’ di continuità. Di Masi si è invece comportato come un giovane assetato di successo che, ad ogni anno, era pronto a rivoluzionare tutto pur di avere tutto subito e che, così facendo, a parte qualche impresa destinata a rimanere nella storia dei Grigi (soprattutto nelle due Coppe Italia) non ha in realtà vinto ciò che avrebbe potuto e dovuto. Ragionando in tal senso, ecco che anche il proclama di martedì diventa l’ennesimo cambio di pelle: dopo avere scelto allenatori navigati o trainer provenienti da primavere di squadre di Serie A, giovani promettenti e calciatori di grande blasone e avere cambiato praticamente tutti i moduli di gioco, ecco l’ennesima rivoluzione, ricominciando da zero con i giovani. In realtà, Di Masi dovrebbe capire che la vittoria sta in un mix di tutti i fattori sopra elencati: esperienza, gioventù e attenzione al bilancio con una compagine societaria – a cominciare dall’allenatore – pensata per un percorso pluriennale. Il timore della testa è che, fino a che Di Masi continuerà a cambiar pelle ad ogni giro di boa, la Serie B resterà un miraggio e un ricordo di un ormai lontano passato: la speranza della pancia è che l’anno prossimo sia finalmente quello buono…

Silvio Bolloli

About Giorgio Ferrazzi

Servitore, capo #scout, amante della #grafica, studente di #ingegneria civile. Ho accettato un invito e... eccomi qui!

Check Also

Grigi, si riparte dai giovani

Nel momento in cui chiudevamo il giornale esattamente sette giorni fa, non sapevamo il risultato …

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: