Home / Paginone / Voci dalla Tenda: Volti e testimonianze proposti alla città durante la Tenda della Misericordia
Clicca e abbonati

Voci dalla Tenda: Volti e testimonianze proposti alla città durante la Tenda della Misericordia

“Essere amici dei sacerdoti e dei seminaristi per sostenerli nel loro operato” – Riccardo Bussone del Serra Club

«Quando sono stato chiamato a prestare servizio nel Serra Club all’inizio ero perplesso perché non conoscevo questa associazione e non sapevo di che cosa si occupasse. Per noi valenzani, sapete, il Serra è un golf club… io mi sono fi dato molto della persona che mi ha chiesto di farne parte e ho cominciato a informarmi. Il Serra, nato negli Stati Uniti nel 1934, prende il nome da San Junipero Serra, monaco cappuccino che ha insegnato molti anni spagnolo e teologia nel suo seminario alle Canarie, per poi partire per evangelizzare la California a piedi. Si stima abbia camminato per 9000 chilometri! Ha fondato città come San Francisco, Los Angeles e Santa Barbara e per questo è considerato uno dei padri della patria degli Stati Uniti. Il club ha la forma di un “service”, cioè di un gruppo di persone che si incontrano per scopi filantropici, come i Rotary o i Lions. Mi sono chiesto che cosa c’entrasse con la nostra fede. In realtà c’entra, perché la forma del club service viene utilizzata per prestare aiuto a sacerdoti e seminaristi. Infatti, l’anno scorso a Roma al congresso internazionale della nostra associazione il Papa ci ha proprio richiamato in un discorso a essere amici dei sacerdoti. Questo è uno dei nostri compiti, mettendo a disposizione del loro ministero, oltre che la preghiera, anche i nostri doni e le nostre professionalità. Il Serra Club di Alessandria in particolare vuole essere pastorale, perché vogliamo parlare alle persone della vocazione a Dio, che è una vocazione alla felicità, attraverso il sacerdozio e il matrimonio. Per questo organizziamo incontri di formazione anche per noi stessi, utili alla nostra fede, attraverso l’approfondimento di diversi teologi e la conoscenza dei Sacramenti. Un’altra iniziativa alla quale teniamo molto è la promozione di un concorso per le scuole nel quale cerchiamo di far parlare bambini e ragazzi delle loro aspirazioni. Oltre a questo cerchiamo di spronare le persone a pregare per le vocazioni, perché ci accorgiamo che è comune il fatto di non capire molto l’importanza dei sacerdoti nella nostra vita, mentre essi sono coloro attraverso i quali attiviamo la nostra fede. La mia vocazione si è manifestata inspiegabilmente attraverso questa associazione, che è un buon modo da laici per essere inseriti nella chiesa diocesana. Abbiamo bisogno di sacerdoti e dobbiamo stare vicino ai seminaristi, cioè a persone che sono nello stato di discernimento. Sono molto contento di questa esperienza che sto facendo. Ora sono presidente e lo sarò anche il prossimo anno per poi passare la mano. Non è assolutamente un club chiuso, quindi chiunque è interessato può partecipare. Le nostre serate si snodano attraverso la Messa, una cena e alla fi ne un incontro formativo per cercare di coltivare le amicizie tra di noi».

 

 

About Alessandro Venticinque

Check Also

Uomini che hanno lasciato il segno – «La sua testimonianza di fede è viva ancora oggi»

All’alba dei 140 anni de La Voce alessandrina ripercorriamo insieme la vita e le vicende …

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: