Home / Alessandria / Sport / Grigi / La testa e la pancia – Metti l’Alessandria a cena…

La testa e la pancia – Metti l’Alessandria a cena…

Quanto ha brontolato la pancia del vero tifoso grigio sabato sera! Tutto contento di avere organizzato una bella cenetta attorno al focolare con un po’ di parentado (ovviamente calciofilo), nell’intervallo tra i due tempi non ho potuto fare a meno di cogliere la delusione negli occhi e nei commenti dei miei preziosi commensali dinanzi allo spettacolo piuttosto penoso offerto da entrambe le formazioni in campo, peraltro giustamente coronato da un incolore 0 a 0 dopo 90 minuti.

E dire che avevo magnificato la partita alessandrina quale foriera di emozioni che, associate alla convivialità, trovano solo parziale giustificabile nelle esigenze giornalistiche del sottoscritto: il tutto in attesa delle gustose pietanze di Inter-Barcellona di martedì e di Juventus-Manchester di mercoledì. Purtroppo, il grigio antipasto non è stato all’altezza delle aspettative al punto che, all’inizio della ripresa, mi sono persin sentito in dovere di chiedere ai miei compagni di visione se non preferissero dirottarsi sul bagaglino di turno o su qualche fantasy movie offrendomi di guardare in solitudine il resto della partita sul piccolo schermo presente in camera da letto: niente da fare, i miei cortesissimi ospiti – non foss’altro per il garbo che si addice a situazioni del genere – hanno controvoglia insistito per vedere la partita con me fino alla fine.

Non è bello, per un tifoso del grigionero, lasciarsi andare a simili apprezzamenti sulla squadra del proprio cuore ma tant’è, questo è ciò che passa il convento oggi: un’Alessandria assolutamente incapace di creare azioni da goal solo perché le è venuto meno l’unico centravanti di ruolo che ha (leggasi De Luca) che fin qui pure ha pure dimostrato di non essere irresistibile. E tant’è, questa è una squadra che deve accontentarsi di giocare alla pari (sia pure in trasferta) contro una delle formazioni meno qualitative di questo campionato: la Pistoiese. Resta la consolazione di una statistica – quella dei goals subiti – da fare invidia alle prime della classe ma il mese di novembre vede all’orizzonte sfide molto impegnative con le vere prim’attrici di questo campionato e allora sì che si parrà la nobilitate dell’Orso. Nel frattempo, ci consoliamo con Juventus e Inter (forse). Chi vivrà, dunque vedrà.

Silvio Bolloli

About Alessandro Venticinque

Check Also

Monferrato rugby – Battuto anche il Novara

Finisce 20 a 8 (4 mete a 1) per il Monferrato Rugby contro l’Amatori Novara. …

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: