Home / Martedì di Quaresima / Martedì di Quaresima – Nullità matrimoniale: la riforma
Clicca e abbonati

Martedì di Quaresima – Nullità matrimoniale: la riforma

Una serata che si presentava non semplice, quella dell’ultimo Martedì di Quaresima all’Auditorium della Parrocchia di San Baudolino. E ciò sia per via delle tante idee ricevute sulla Rota Romana, sia per l’apparente tecnicismo dell’oggetto, l’inaugurazione dell’anno giudiziario del tribunale ecclesiastico diocesano e la prolusione sul tema del nuovo processo di nullità matrimoniale nel contesto della pastorale familiare. L’incontro è stato invece apprezzato per la chiarezza con cui i relatori (il Vescovo Guido Gallese, il vicario giudiziale monsignor Massimo Marasini e il prelato uditore della Rota Romana, l’argentino Alejandro Bunge, già collaboratore del cardinal Bergoglio a Buenos Aires) hanno esposto il tema. Il Vescovo ha sottolineato la
principale ragione della creazione di un autonomo tribunale diocesano, cioè la prossimità ai fedeli,, così da permettere alla pastorale della famiglia di non dimenticare le famiglie ferite e spezzate: Locanda della Misericordia e tribunale ecclesiastico sono le due facce della stessa medaglia. Monsignor Marasini ha sviluppato una sobria relazione sull’anno giudiziario locale, sottolineando lo spirito di collaborazione ecclesiale che ha animato tutti coloro che fanno parte del tribunale diocesano.

Per monsignor Bunge il motu proprio “Mitis iudex” di Papa Francesco non va letto come una facilitazione per mettere le carte a posto, ma un’occasione e uno strumento della Chiesa ospedale da campo. La semplificazione delle procedure (per esempio, la soppressione della cosiddetta “doppia conforme”) risponde all’esigenza di rendere più trasparente il procedimento ed evitare l’alternativa tra tempi troppo lunghi per avvicinare i fedeli al tribunale e valutazioni frettolose delle specifiche situazioni, così da non fare del diritto una gabbia per il Vangelo. Insomma, i Martedì si confermano come un’occasione per la comunità diocesana alessandrina di affrontare, con spirito pastorale aperto, temi difficili e di attualità. La presenza, martedì scorso, di numerose autorità locali (il Prefetto, il presidente del tribunale, consiglieri regionali e comunali) ne ha confermato il carattere di iniziative che si inseriscono pienamente nel tessuto civile e culturale alessandrino. Un buon viatico per i Martedì di Avvento 2019.

Renato Balduzzi

Check Also

Martedì di Quaresima – Le ferite aperte della famiglia

Il secondo incontro dei martedì di Quaresima, promossi dalla Diocesi di Alessandria in collaborazione con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: