Home / Diocesi di Alessandria / «A chi non è mai venuto dico una parola sola: “Gioia”»
Clicca e abbonati

«A chi non è mai venuto dico una parola sola: “Gioia”»

INTERVISTA AD ANDREA SERRA, PRESIDENTE DELL’OFTAL DI ALESSANDRIA

Ogni volta trovi persone e realtà diverse. Basta un incontro per cambiare il pellegrinaggio

Al rientro dal pellegrinaggio diocesano a Lourdes, organizzato dall’Oftal – Opera federativa trasporto ammalati a Lourdes, abbiamo intervistato Andrea Serra, presidente della sezione diocesana di Alessandria.
Chi va a Lourdes dice che ogni anno l’esperienza del pellegrinaggio è diversa. Ma è davvero così? «Certo, è diversa perché ogni volta trovi persone e realtà diverse. E basta un incontro, o un sorriso, per cambiare il pellegrinaggio».

Ci racconti un tuo incontro “speciale”?
«Quest’anno ho conosciuto un signore molto burbero, malato e con tanti problemi, che si è commosso raccontandomi di aver incontrato un’altra paziente come lui, con altrettanti problemi, e di aver trovato la felicità con lei. Ci ringraziava di averli fatti conoscere».

A Lourdes, dunque, c’è chi trova anche l’anima gemella…
«La nostra amica Oriana ha incontrato un ragazzo di Valenza proprio al pellegrinaggio. E poi si sono sposati!».

Dopo tanti anni di pellegrinaggio non si corre un po’ il rischio di “abituarsi”?
«Sì, è possibile. Per superarlo bisogna essere aperti a tutti. Se mettiamo amore e partecipazione in tutto quello che facciamo, allora niente è più scontato o abitudinario».

Quest’anno come sei tornato a casa?
«Carico e contento, anche se, ovviamente, molto stanco! Ho raccontato a chi mi sta vicino di aver trovato un ambiente rilassato e unito, dove tutti cercavano di aiutarsi l’uno con l’altro. Anche gli ammalati ci davano una mano: con le loro parole, la loro pazienza e la loro gentilezza».

In questo pellegrinaggio non eravate soli: c’erano anche pellegrini da Torino e dalla sezione Oftal di Genova.
«Con la sezione di Genova andiamo in pellegrinaggio da quattro anni, anche per raggiungere i numeri necessari a usufruire del treno. Collaboriamo molto bene, ci teniamo in contatto e andiamo d’accordo, anche se per ragioni organizzative a Lourdes ci capita di seguire celebrazioni diverse. Con i torinesi invece abbiamo cominciato un rapporto partendo dalla loro esigenza di fare un pellegrinaggio con il treno. All’inizio erano pochi, oggi sono una cinquantina».

Una parola per convincere chi non è mai venuto a Lourdes?
«Una parola molto semplice: gioia. Che può essere gioia di condividere, gioia di aiutare, gioia di ricevere. È il succo di tutta la nostra esperienza: se uno vuole provare gioia, ha questa possibilità».

Ma l’Oftal “vive” solo per il pellegrinaggio a Lourdes, o c’è dell’altro?
«Durante tutto l’anno cerchiamo di mantenere vivi i rapporti, sia tra di noi che con i malati e i pellegrini. Oltre a organizzare giornate e incontri di preghiera, abbiamo tre mezzi che supportano le persone che hanno bisogno di essere accompagnate negli spostamenti, per motivi medici o per qualunque altra ragione. E noi, nei limiti del possibile, ci siamo. Devo confessare che l’Oftal è la mia vita. Ho cominciato da giovane, ho avuto la fortuna di essere stato chiamato da Lei, dalla Madonna, e di aver incontrato tantissime persone che hanno fatto in modo che io crescessi: persone veramente umili, ma al tempo stesso grandissime. Penso a Secondo Pacifista, Anna Milanoli e a tanti altri che ho bene in mente. Io devo sempre ringraziare: perché un pellegrinaggio riesca c’è bisogno davvero dell’aiuto di tutti e di ciascuno. Non importa quanto si può aiutare, ma come si aiuta. Con tanto amore, anche la più piccola cosa diventa importante. E infatti molti, che non possono partecipare al pellegrinaggio, ci aiutano con la preghiera».

Andrea Antonuccio

Check Also

Viviamo insieme una nuova Pentecoste

Domenica 31 maggio alle 10.30 in Cattedrale Giovanni XXIII (nella foto qui sotto), eletto papa …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: