Home / Chiesa / Chiesa Locale / Comunità / San Baudolino / L’identità del discepolo – commento al Vangelo di don Giovanni Guazzotti
Clicca e abbonati

L’identità del discepolo – commento al Vangelo di don Giovanni Guazzotti

Dal Vangelo di Luca (10,38-42)

25 Siccome molta gente andava con lui, egli si voltò e disse: 26 «Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. 27 Chi non porta la propria croce e non viene dietro di me, non può essere mio discepolo.
28 Chi di voi, volendo costruire una torre, non si siede prima a calcolarne la spesa, se ha i mezzi per portarla a compimento? 29 Per evitare che, se getta le fondamenta e non può finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: 30 Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro. 31 Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? 32 Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda un’ambasceria per la pace. 33 Così chiunque di voi non rinunzia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo.

 

Il commento di don Giovanni Guazzotti

Check Also

“Il nuovo tempio” – Commento al Vangelo di don Giovanni Guazzotti

Dal Vangelo di Luca 5Mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: