Home / Pan&Vino / Quei panettoni… da favola
Clicca e abbonati

Quei panettoni… da favola

Pan&Vino

Il Natale si avvicina: ecco la guida ai migliori artigiani del Paese

Manca poco a Natale ed il consiglio è cominciare a stilare l’elenco di ghiottonerie che vorreste far trovare ai vostri commensali sotto l’albero e sopra la tavola. Perché non cominciare dal panettone?  Un tempo era Milano, dove è nato alla fine del XV secolo, il luogo non solo simbolico della produzione migliore dell’evoluzione fortunata del “pan di Toni”. Oggi, certamente, tra i primi in classifica vi sono ancora importanti campioni della pasticceria lombarda. Come ad esempio Achille Zoia (www.laboutiquedeldolce.it) a Concorezzo (Mi) con il suo panettone Paradiso, Iginio Massari (www.iginiomassari.it) di Brescia (ma con punti vendita anche a Milano e Torino) con un panettone tradizionale che ha fatto scuola, la Pasticceria Martesana (www.martesanamilano.com) che, con una storia di più di 50 anni, è oggi l’indirizzo di Milano da prediligere. Ma, negli ultimi decenni, è accaduta una cosa bellissima: questo dolce ha unito l’Italia dell’alta pasticceria, da nord a sud. Così, passando dal Veneto, si arriva fino in Campania e Sicilia, scendendo idealmente una scala armonica di sapori del territorio presenti nell’impasto e nella farcitura.

Panettone al Limoncello – Alfonso Pepe

A Grezzana (Vr), recentemente una squadra di giovani talentuosi (www.infermentum.it) appassionati al lievito madre ha cominciato a produrre un panettone soffice, leggero e soave, come ve ne sono pochi.
In provincia di Salerno, a Sant’Egidio del Monte Albino, Alfonso Pepe (www.pasticceria-pepe.it) firma, dopo una lievitazione di 36 ore, un panettone con limoncello e bucce di limone candito unico in Italia, oltre alle versioni classiche, ai fichi bianchi, alle albicocche, agli agrumi dei Monti Lattari. Ancora più a sud, il panettone “King” (canditi di arancia di Sicilia ed uva sultanina aromatizzata con Malvasia) della famiglia Fiasconaro (www.fiasconaro.com) di Castelbuono (Pa) è una gioia per il palato, insieme al grandioso “Oro di Manna” (con crema di manna da spalmare) e all’“Oro verde” al pistacchio (con crema di pistacchio di Bronte). E se non riuscite a fare visita a questi artisti del gusto, potreste sempre farvi spedire il panettone che desiderate a casa, magari ordinandolo insieme ad altri amici, o perché no, farlo recapitare direttamente a qualcuno cui volete bene per un regalo originale. Il Natale si celebra una volta l’anno e non è una favola, ma una storia vera, accaduta più di duemila anni fa. E che riaccade. Vale la pena, dunque, celebrarlo in modo solenne. Anche con una fetta di panettone da favola.

Roberto Formica 

Check Also

Il nuovo “Direttorio per la catechesi”

“La recensione” di Fabrizio Casazza Con l’approvazione di papa Francesco nei mesi scorsi il Pontificio …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: