Home / Rubriche / Collezionare per credere / Arriva “Burro” Natale
Clicca e abbonati

Arriva “Burro” Natale

Collezionare per credere

I lipstick di tutti i colori e di ogni fantasia

Le principesse Disney e quelle “alla Miraculous Ladybug”, Star Wars e Coca Cola, My little Pony e Chupa Chups, Hello Kitty e unicorni luccicanti… Sono moltissimi i burrocacao colorati e fatti apposta per attirare un pubblico di bambini e ragazzi. Distribuiti ovunque, dal supermercato alla farmacia, passando per negozi di abbigliamento e accessori teen… La famiglia dei lipstick è molto assortita; complice il fatto che questo piccolo cosmetico, a differenza dello spazzolino, venga portato in giro, esibendo loghi aziendali e grafiche varie, il che ha moltiplicato i soggetti. Il formato più noto è quello in tubetti retrattili da 4 o 6 ml circa, come quelli dei rossetti, ma esistono pure contenitori diversi, come piccoli flaconi che contengono la medesima quantità di prodotto degli stick, ma in soluzione leggermente più liquida, o anche in vasetti da 5 o 6 ml dove il composto viene preso con un dito e spalmato sulle labbra.

Oltre ai classici “trasparenti”, sono presenti in commercio burrocacao colorati che, oltre a fungere da protezione, colorano le labbra di una tinta che va dal rosa al rosso, con intensità e volume minori del rossetto. L’obiettivo primario del burrocacao è quello di fornire una protezione sulla superficie delle labbra e proteggerle dall’esposizione esterna; l’aria secca, il freddo e il vento tendono a seccare la pelle, soprattutto in questo periodo. Quello secondario, ma solo per utilità, è il collezionismo; sempre più tubetti allegano un occhiello in cui passa un portachiavi e non mancano confezioni regalo a dir poco suggestive. Ad esempio, Il centro di chirurgia estetica “MeDermal”, in via Cavour 75, ha emesso una versione brandizzata di lipstick. Già parecchie aziende, invece della biro, del calendario o di un gadget più canonico, optano per questi “burrocacao meravigliao”: saranno quelli da ricercare con più fatica ? Con l’uscita del famoso “Labellino”, il tormentone è dilagato a macchia d’olio e adesso, con l’inverno alle porte, ecco tanti nuovi modelli, dai coniglietti, gufi, unicorni alle lattine di Coca Cola e Pepsi che prediligono, per ovvi motivi di design, la veste del balsamo (lipbalm) allo stick. Il prezzo, in questo caso, può salire non poco, ma una volta ultimato il contenuto, ci penserà il contenitore non usa e getta a trastullare i collezionisti…

Mara Ferrari

Check Also

Prepariamoci a una buona annata

“La testa e la pancia” di Silvio Bolloli Ci sono almeno tre buone ragioni che …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: