Home / Rubriche / Collezionare per credere / Raccolte… in viaggio!
Clicca e abbonati

Raccolte… in viaggio!

Collezionare per credere

Siamo tutti (un po’) esploratori

“Prima di partire per un lungo viaggio (metaforicamente, un anno che comincia), devi portare con te la voglia di… Collezionare !”. La nota canzone andrebbe rivisitata anche perché le più eclatanti collezioni zoologiche, botaniche ed etnografiche sono proprio avvenute durante i viaggi, da quelli commerciali dei Fenici all’esplorazione dello spazio cosmico… Dice un vecchio proverbio: “Il mondo è bello perché è vario”: per secoli, millenni, la varietà delle culture, dei costumi, delle lingue, dei modi di vivere e di pensare è stata indiscutibile. Se un viaggiatore avesse fatto, soltanto cento anni fa, il giro della Terra avrebbe visitato “pianeti” diversi, ossia paesi totalmente separati gli uni dagli altri, all’oscuro di ciò che avveniva al di là dei propri confini. Le varie culture hanno sviluppato, nel tempo, la propria arte, letteratura, danza, religione, lingua, che hanno richiesto un tempo lunghissimo per formarsi. Gli enigmi irrisolti delle civiltà e delle culture perdute, i miti e le leggende, le mappe più intriganti, i rebus più avvincenti delle prime esplorazioni sono racchiusi, ad esempio, nel volume “Il libro degli antichi misteri” di P. James e N. Thorpe.

Oppure all’interno del dizionario degli esploratori e delle scoperte geografiche di S. Zavatti si trovano elencati, da Marco Polo in poi, quei navigatori e viaggiatori che si “limitarono” a viaggiare in terre poco conosciute, raccogliendo a mo’ di souvenir quelle informazioni che hanno contribuito al progresso scientifico. Una galleria di prodi eroi, avventurieri, sportivi e scienziati, esploratori e mercanti, animati da quello spirito d’avventura che il motto “not all those who wander are lost” (“non tutti coloro che vagano senza meta sono perduti”) esprime in modo efficace. Grazie all’esposizione fotografica di Umberto Scudo, ho avuto modo di assaporare il piacere del viaggio, anche quello più estremo, senza muovermi da via Dante, ove appunto era ubicata, nelle feste, la sua fotografica galleria. Umberto (334 9293390; umberto. scudo@gmail. com) è un giovane viaggiatore che ama scoprire e conoscere quello che il mondo ha da offrire. Assaggia tutte le prelibatezze locali, macina km a piedi e organizza tutte le cose da fare una volta giunti a destinazione, lasciando sempre spazio all’improvvisazione. Aurore boreali, cascate, vulcani, geyser, lagune ghiacciate, spiagge, basta partire ! Il suo biglietto da visita è costellato dalle key-words “travel vlogger”, “youtuber” e “videomaker”. «Partiamo tutto l’anno in gruppi omogenei per età e “travel mood” alla scoperta di Paesi e culture lontane» mi rivela, «collaboro con entusiasmo a organizzare viaggi di Gruppo on the road in oltre 90 destinazioni nel mondo; mi piace l’avventura, il divertimento e vivere la cultura del posto. Credo nella condivisione delle esperienze: il nostro obiettivo è tanto il viaggio, quanto il creare amicizie che durino nel tempo». Insomma, “chi trova un amico viaggiatore, trova una collezione”: infatti creare delle nuove, sfiziose raccolte, con un amico come Umberto, non è affatto una mission impossible!

Mara Ferrari

Check Also

Prepariamoci a una buona annata

“La testa e la pancia” di Silvio Bolloli Ci sono almeno tre buone ragioni che …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: