Home / Rubriche / Collezionare per credere / Pane, amore e… pandemia

Pane, amore e… pandemia

“Collezionare per credere” di Mara Ferrari

Come per magia, alcuni oggetti di uso quotidiano sono allo stesso tempo formidabili in altri utilizzi. Scopriamo quelli più comuni, che già i nostri nonni hanno impiegato nel quotidiano allo scopo di risolvere i problemi più svariati, dal togliere una macchia di rossetto al conservare al meglio l’argento.

Per esempio, la birra è una considerevole lozione per capelli ed esca per insetti: infatti se volete passare una piacevole giornata all’aperto, dovete aprire delle lattine di birra disponendole a una certa distanza. Vespe e altri fastidiosi colleghi saranno attratti dalla birra e vi lasceranno in pace.

Le bucce di agrumi divengono una simpatica mangiatoia per uccellini, se riempite di semi e appese al ramo di un albero; oppure un pot-pourri se aggiunte a un’infusione di cannella e chiodi di garofano o ancora un deodorante per cassetti e armadi. Il dentifricio è un aiutante molto valido per la pulizia dei gioielli, ma risulta pure utile per stuccare; la farina ha svariati impieghi, passando da quello per pulire i vetri al sistema per infilare facilmente i guanti di gomma senza dimenticare lo shampoo per cani e gatti, in modo da migliorare la lucentezza del pelo.

Il ghiaccio si rivela un ottimo anestetizzante per le pupille gustative in grado di far prendere ai più piccoli anche le medicine più disgustose; per proteggere i tappeti basta collocare un cubetto di ghiaccio nei punti in cui le gambe di un mobile li hanno schiacciati. L’umidità così prodotta rivitalizzerà le fibre ridando ai tappeti l’uniforme e originario splendore. In conclusione, il succo di limone non è solo un proverbiale trattante per unghie, ma pure un efficace schiarente per capelli, un deodorante per mani, un tonico per il viso (come lo yogurt) e un salva-spugna.

A questo brevissimo elenco si aggiungono molti altri impieghi di oggetti di uso quotidiano, dalla maionese al caffè, passando per naftalina, lacca, cotone idrofilo, sale, cipolle, riso… Il blog “c-i-a-o.blogspot.com”, ossia il “Centro impiego alternativo oggetti (d’ogni tipo)” si propone di archiviare quelli ancora inediti, per nulla nazional popolari. In effetti, si parte con un curioso sacchettino da cui ricavare una pratica mascherina per difendersi dal Covid…

Leggi altri articoli di “Collezionare per credere”:

Check Also

San Paolo della Croce e la sua famiglia/1

“Mi ricordo…” a cura di Flavio Ambrosetti San Paolo della Croce nacque a Ovada (AL) …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: