Home / Alessandria / Proseguono gli eventi della Settimana di studi

Proseguono gli eventi della Settimana di studi

Autonomie locali

È in pieno svolgimento la XIII Settimana di studi sulle autonomie locali, che partita lunedì 18 terminerà venerdì 22 ottobre. Il tema di quest’anno è “I controlli: partner o minaccia dell’autonomia?“. Sotto la direzione scientifica del professor Renato Balduzzi, la Settimana di studi ha preso il via lunedì 18 in Prefettura, ed è proseguita attraverso un ricco programma.

Giovedì 21, dalle 15 in Prefettura, si svolgerà il Convegno di studi italo-francese “Dal controllo-tutela al controllo-affiancamento: un confronto Italia-Francia“. Tra i tanti interventi anche quelli di Michel Verpeaux, Université de Paris 1 Panthéon-Sorbonne, Laetitia Janicot, Université de Cergy-Pontoise, e Alain Boyer, Université du Sud-Toulon et Var.

Venerdì 22, dalle 9.30 sempre in Prefettura, il seminario “I controlli sulle aziende sanitarie: analogie e differenze rispetto ai controlli sugli enti locali“, con i saluti iniziali di Gian Carlo Avanzi, rettore dell’Università del Piemonte Orientale. Sempre in Prefettura, alle 15 spazio al convegno “I controlli finanziari: prospettive alla luce dell’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza”.

Oltre al concerto che il Conservatorio Vivaldi terrà in onore della Settimana di studi nella serata di giovedì 21 ottobre, da segnalare anche l’incontro conclusivo venerdì 22 al Salone Vitoli del Museo civico di Casale Monferrato (nella foto). Gianfranco Astori, consigliere per l’informazione della Presidenza della Repubblica, e Renato Balduzzi, moderati da Sergio Favretto, si confronteranno sul tema de “La buona amministrazione locale”.

A promuovere questa iniziativa una rete di collaborazione, con a capo per il secondo anno consecutivo al Centro di cultura dell’Università Cattolica. Gli incontri della Settimana di studi, fatta eccezione per quelli serali, saranno trasmessi in streaming sul canale YouTube del Centro di cultura.

Leggi anche:

Check Also

Terza dose, sarà l’Asl a chiamare

Regione Piemonte Al posto della libera prenotazione della terza dose dai 18 ai 79 anni, …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: