Home / Elezioni / L’Italia al voto

L’Italia al voto

Domenica 25 settembre

Domenica 25 settembre, dalle 7 alle 23, gli italiani sono chiamati alle urne per le elezioni politiche. Si voterà per la seconda volta in Italia con la legge elettorale chiamata Rosatellum: entrata in vigore nel 2017, la legge prevede che 1/3 dei seggi sia assegnato con il sistema maggioritario, in cui viene eletta solamente la persona che prende la maggioranza dei voti, mentre i restanti 2/3 con il sistema proporzionale. Per questo, sia per la Camera sia per il Senato, l’Italia è stata divisa in diversi collegi: collegi uninominali (maggioritari) e collegi plurinominali (proporzionali).

CHI VOTA

Per quanto riguarda l’elezione dei deputati della Camera, non cambia nulla rispetto alle ultime tornate: come sempre, le persone con cittadinanza italiana e maggiorenni potranno votare. Per il Senato, invece, da quest’anno c’è una novità: con una riforma approvata l’anno scorso, l’età per votare al Senato è stata abbassata da 25 a 18 anni. Quindi, per la prima volta, tutti i maggiorenni potranno votare sia per la Camera sia per il Senato.

COSA SERVE PER VOTARE

Per poter votare, bisognerà presentarsi al proprio seggio (indicato sulla tessera elettorale) con un documento di riconoscimento valido (come la carta d’identità o la patente, ma anche il passaporto) e la tessera elettorale. Si può votare anche se la propria carta d’identità è scaduta, purché sia sufficiente a far riconoscere la persona, quindi integra e leggibile. In caso la tessera elettorale sia stata smarrita, persa, deteriorata, o tutte le caselle siano piene, va rinnovata (v. qui sotto).

TESSERA ELETTORALE

Come rinnovare la tessera elettorale nel Comune di Alessandria? Basta recarsi all’ufficio elettorale (Palazzo Comunale, lato sinistro, secondo piano), nei seguenti giorni: da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 12.45; martedì e giovedì pomeriggio dalle 15 alle 16.30. Gli orari cambieranno nei giorni precedenti alle elezioni: venerdì 23 e sabato 24 settembre dalle 9 alle 18, mentre domenica 25 settembre dalle 7 alle 23.

VOTO ALL’ESTERO

Gli italiani iscritti all’Aire (Anagrafe italiani residenti all’estero) che potranno votare fuori dall’Italia per i candidati della circoscrizione Estero attraverso una procedura speciale sono circa 5 milioni e mezzo. E, in alcuni casi, potranno votare fuori dal nostro Paese anche alcune categorie che si trovano all’estero temporaneamente. I cittadini italiani residenti all’estero voteranno per corrispondenza: ricevendo per posta al proprio indirizzo di residenza il plico elettorale con la scheda di voto, potranno esprimere la propria preferenza entro il 22 settembre. Lo spoglio delle schede provenienti dalle circoscrizioni Estero sarà a Castelnuovo di Porto (Roma), nel Centro polifunzionale della Protezione Civile.

LA SCHEDA

Per Camera e Senato, la scheda elettorale avrà un elenco di riquadri corrispondenti alle coalizioni o ai partiti candidati. L’ordine in cui saranno messi i riquadri è stato scelto con un sorteggio. In alto nel riquadro, ci sarà il nome della singola persona candidata con il sistema maggioritario (nel collegio uninominale, appunto): per essere eletta, dovrà prendere almeno un voto in più degli altri candidati in quel collegio. Sotto il suo nome, ci saranno uno o più elenchi di quattro nomi, affiancati dai simboli dei partiti o delle liste che rappresentano. Queste sono le persone candidate con il sistema proporzionale (plurinominale). Queste persone saranno elette, in ordine di lista, calcolando la proporzione di voti che la loro lista ha preso in quel collegio. I simboli, indicati a fianco degli elenchi dei quattro nomi candidati nei collegi proporzionali, potranno rappresentare il singolo partito o la lista in cui sono riuniti i candidati di più formazioni. Sotto il nome di ciascun candidato o candidata verranno indicati anche tutti i partiti che fanno parte della coalizione che li sostiene.

LE ISTRUZIONI PER NON SBAGLIARE

Le diverse modalità per esprimere correttamente la propria scelta

Scheda bianca, scheda nulla e gli errori da non fare

Leggi anche:

Check Also

Vivere la morte/3: intervista a Giulio Vannucci

Giulio Vannucci, “Ricostruttori nella preghiera” Prima domanda: chi sei? «Sono Giulio Vannucci, un consacrato che …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: