Home / Giorno della Memoria

Giorno della Memoria

Giorno della Memoria 2020: tracciamo un bilancio

Studiare e informarsi per cercare di capire La Legge 211, 20 luglio 2000, che istituisce il Giorno della Memoria, compie quest’anno vent’anni, ed è giusto porsi qualche domanda sui risultati che sono stati ottenuti. In questo periodo l’opinione pubblica italiana ed europea è stata oggetto di differenti politiche della memoria, …

Read More »

Il ruolo della Chiesa nel secondo dopoguerra

In un’Italia sofferente vescovi e sacerdoti a difesa della popolazione Nei primi mesi del secondo dopoguerra, l’Europa presentava i caratteri di una devastante distruzione; soprattutto nei territori centrali e orientali del continente, ex Reich tedesco e regioni polacche, nonché della Russia occidentale (Ucraina, Bielorussia, Transnistria…), le città erano ridotte a …

Read More »

Note appese a un filo

Frugarolo Lo spettacolo di “Teatro insieme” Domenica 26 gennaio alle 21.15 all’Oratorio parrocchiale la compagnia “Teatro insieme” presenta lo spettacolo “Note appese a un filo”. Testo di Paolo Lenti, regia di Silvestro Castellana.  

Read More »

Educare i giovani a fare memoria

Intervista al professor Agostino Pietrasanta «La difficoltà di recuperare la dignità personale persa nei lager» “Dopo la Shoah, un’eredità difficile”: è questo il tema dell’incontro di giovedì 23, con inizio alle 19, in occasione del “Giorno della Memoria”. Un argomento impegnativo e da approfondire, non usuale nel dibattito sulla Shoah. …

Read More »

La Legge della Memoria

Recita la legge italiana del 20 luglio 2000: «La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, “Giorno della Memoria”, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la …

Read More »

Scrittori e poeti – Per ricordare e imparare dalla letteratura Libri e opere che aiutano a non dimenticare

Nel 1996 un dirigente di azienda del Nord Italia fu condannato, poiché reo di sproloqui antisemiti (violazione della legge n. 654/1975) a leggere dodici libri sulla storia degli ebrei. La motivazione diceva: “perché alla base di certe manifestazioni antisemite ci sono spesso ignoranza e preconcetti”. L’elenco è ancora attuale: “Il …

Read More »