Home / Alessandria / Attualità / L’epopea dei birrifici artigianali

L’epopea dei birrifici artigianali

Nell’articolo pubblicato su Avvenire di mercoledì ho parlato dell’epopea dei birrifici artigianali in Italia, che fecero la loro comparsa a fine Ottocento – solo a Torino ce n’erano 114 – per poi sparire per l’avanzare delle industrie. Oggi si assiste a un ritorno, ma non ci risulta che vi siano studi governativi su questo fenomeno che pur interessa ogni angolo del Belpaese e i giovani birrai sembrano avere dimenticato i loro “maestri”. Come Teo Musso, che a Piozzo, suo paese natale, ha inaugurato l’Open Garden, che rappresenta un nuovo racconto legato alla birra. Ha ristrutturato una cascina con il suo parco e qui ha progettato un sistema di refrigerazione all’avanguardia. È un luogo che merita il viaggio: per capire la filosofia di Teo, perché è uno dei posti più interessanti d’Italia che dovrebbero visitare i mastri birrai che pensano d’essere dei fenomeni, ma anche i politici per riflettere sull’impresa italiana che bisogna sostenere. Teo è stato il primo a produrre la birra artigianale in lattina – oggi l’ha realizzata anche il Birrificio Lambrate – e questo è un invito a non dimenticare i maestri, che hanno sempre qualcosa da insegnare.

About Veronica Privitera

Check Also

Abilitando, tecnologie per migliorare la vita

Ritorna “Abilitando”, la fiera dedicata alle tecnologie capaci di migliorare la vita quotidiana delle persone …

Lascia un commento