Home / La recensione / La Recensione – L’occhio mistico della metafisica

La Recensione – L’occhio mistico della metafisica

Niccolò Cusano è il nome latinizzato dal tedesco di Nikolaus Cryfftz, nato nel 1401, studente presso le università di Heildelberg, Padova e Colonia, canonico in diverse città, protagonista del concilio di Basilea, legato pontificio, cardinale dal 1448, vescovo di Bressanone dal 1450, vicario generale del papa umanista Pio II dal 1458 alla morte, avvenuta nel 1464. È sepolto a Roma nella basilica di cui fu titolare, san Pietro in Vincoli. Le Edizioni Studio Domenicano hanno pubblicato, a cura del filosofo Matteo Andolfo, «L’occhio mistico della metafisica» (pp 636, euro 40, con originale latino a fronte), che raccoglie cinque opere del cardinale: La sapienza, La visione di Dio, Directio speculantis, L’apice della contemplazione e La filiazione di Dio. Si tratta di saggi ispirati al neoplatonismo in chiave cristiana, secondo cui – per dirla molto grossolanamente – noi conosciamo Dio a partire dalla consapevolezza di non poterlo afferrare pienamente, perché altrimenti non sarebbe più Dio, lui che «è tutto in tutti, benché nulla di tutto» (p. 347), ossia il «non altro» (non aliud). Questi concetti,  un po’ astrusi per il lettore non addentro al mondo della filosofia, trovano in altri passaggi punti di commovente lirismo, come quando si rivolge così al Signore: «che cos’altro è il tuo vedere, quando mi guardi con l’occhio della pietà, se non l’essere visto da me? Vedendomi, tu, che sei un Dio nascosto, ti offri alla mia visione. Nessuno ti può vedere se non in quanto ti dai a vedere. E vederti non è diverso dal tuo vedere colui che ti vede» (p. 143). E in che cosa consiste questo vedere Dio e vedere sé stessi in lui? «Il tuo essere misericordioso non è altro che il tuo vedere. Pertanto, la tua misericordia accompagna ogni uomo finché vive, ovunque vada, così come il tuo sguardo non abbandona nessuno» (p. 145). Dal XV secolo con questo libro arriva la voce di un ecclesiastico poliedrico, i cui interessi spaziavano dalla metafisica alla politica, dall’astronomia alla contemplazione, dalla filosofia al dialogo interreligioso, dalla cosmologia alla fisica.

Fabrizio Casazza

About Giorgio Ferrazzi

Servitore, capo #scout, amante della #grafica, studente di #ingegneria civile. Ho accettato un invito e... eccomi qui!

Check Also

La Recensione – I crociati in Terrasanta

Nonostante il passare dei secoli il tema delle crociate continua a interessare non solo gli …

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: