Home / Prima pagina / Editoriale / A scuola, in discoteca o sul divano? – l’Editoriale di Andrea Antonuccio
Clicca e abbonati

A scuola, in discoteca o sul divano? – l’Editoriale di Andrea Antonuccio

Care lettrici, cari lettori,

in questo numero trattiamo argomenti tra loro diversi, anche se accomunati da un elemento: l’interesse alla realtà, senza censurare nulla. Partiamo allora: qui in prima pagina apriamo con un bel pezzo di Alessandro Venticinque che ci introduce alla prossima Giornata mondiale della Gioventù a Panama. A pagina 7, 8 e 9 dedichiamo il paginone centrale al tema, attuale e concreto, dell’Unità dei cristiani. Lo facciamo con il nostro “taglio”, cercando di darvi materiale di qualità da leggere e rileggere, e su cui meditare e ragionare. A pagina 11 invece intervistiamo il professor Agostino Pietrasanta sul “Giorno della Memoria”, e in particolare sul progetto dedicato alla Shoah e rivolto agli studenti delle scuole superiori di Alessandria e provincia. A pagina 14 troverete un’altra intervista, questa volta a un “pr” alessandrino, uno di quei ragazzi che organizzano le serate in discoteca. Tipo quella di Corinaldo, per intenderci, in cui poco più di un mese fa hanno perso la vita cinque giovani (e una mamma). Nella varietà di argomenti di questa settimana c’è secondo me un filo conduttore: è quello dei giovani, che per scelta e per incontri della vita possono spendere i loro anni migliori in una discoteca, con il Papa in un Paese lontano o stravaccati sul divano di casa (questi ultimi li chiamano “Neet”, acronimo di “not (engaged) in education, employment or training”: ragazzi che non vanno più a scuola, non cercano lavoro e in generale non desiderano migliorare la loro condizione). Il tema sottostante è sempre il solito, amici cari: è il tema dell’educazione, nostra e dei nostri ragazzi. Ne riparleremo ancora nei prossimi numeri, perché è l’argomento più cattolico che ci sia.

Andrea Antonuccio
direttore@lavocealessandrina.it

Check Also

Un percorso di umanità all’interno delle carceri

ALLA SCOPERTA DI “BETEL” Intervista a Francesco Bombonato, presidente dell’associazione Francesco Bombonato, classe 1956, insegnante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: