Home / Chiesa / Chiesa Locale / Un’occasione per scoprire la strada
Clicca e abbonati

Un’occasione per scoprire la strada

Quaresima 2020

Intervista a don Claudio Pistarino, parroco a Felizzano e Oviglio

Quella del 22 marzo sarà la quarta domenica di Quaresima. Continuiamo il nostro percorso di avvicinamento alla Pasqua intervistando don Claudio Pistarino, parroco a Felizzano e amministratore parrocchiale a Oviglio. Per l’emergenza coronavirus, scopriamo come don Claudio ha organizzato un modo originale per pregare con i suoi parrocchiani in tempo di Quaresima.

Don Claudio, che cos’è per lei la Quaresima?
«È un momento di riflessione, nel quale dobbiamo fare silenzio nel cuore per scoprire le cose essenziali della nostra vita. Un’occasione per scoprire la strada giusta per raggiungere il Signore, anche attraverso l’intercessione di Maria».

Il Vangelo di domenica (Gv 9,1-41) parla del miracolo di Gesù all’uomo cieco dalla nascita. Come possiamo collegarlo con quello che stiamo vivendo in questi giorni?
«Il cieco passa dal profondo buio al vedere la luce, quindi non solo le cose materiali ma anche la fede. Per noi oggi, visto il momento di grande difficoltà che stiamo vivendo, ritornare a vedere significa tornare alla normalità. Ma ciò che sta accadendo deve farci avvicinare ancora di più al Signore, per riscoprire l’essenziale».

Un consiglio su come affrontare questo Tempo di Quaresima senza celebrazioni?
«Sicuramente, consiglio di vivere questo momento seguendo le indicazioni delle istituzioni e della nostra diocesi. Per tutelare la nostra salute e di chi ci sta accanto. A livello spirituale è un momento difficile: cerchiamo di seguire le funzioni tramite le tv o i media, in tanti si stanno organizzando. Anche nelle mie parrocchie ci siamo preparati…».

Ci racconta?
«Abbiamo istituito un gruppo WhatsApp, sia per comunicare con i parrocchiani che per pregare insieme. L’intento è quello di affidare al Cuore Immacolato di Maria questo momento così difficile.
I partecipanti di questo gruppo si organizzano per recitare il Rosario ogni 30 minuti, per circa tutto il giorno. Ogni sera mando una tabella in cui ognuno, in base ai propri impegni, prenota la propria
mezz’ora in cui recitare una coroncina. In più ho deciso di celebrare in diretta la Via Crucis e i Rosari per i defunti: con l’email immacolataconnoi@parrocchiafelizzano.it invito gli iscritti, e con un’applicazione
riusciamo a pregare insieme tramite una video chiamata. E penso che questo ci possa far sentire parte della chiesa universale, anche in un momento così complicato».

Alessandro Venticinque

Leggi anche Cosa c’entra Dio con la nostra vita?

Leggi anche Il vero digiuno è quello dal male

Check Also

In ricordo del professor Mario Dallocchio

Era stato insegnante anche in seminario Anche il nostro settimanale, insieme a moltissimi alessandrini, vuole …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: