Home / Chiesa / Speciale Sinodo minore diocesano: «Non è un “compitino” da svolgere»

Speciale Sinodo minore diocesano: «Non è un “compitino” da svolgere»

Don Stefano Tessaglia, delegato vescovile per la fase diocesana

Il Sinodo minore.

La forma che il vescovo Guido ha scelto è quella di un Sinodo minore. Si tratta di un vero Sinodo diocesano, ma concentrato nel tempo (circa un anno di celebrazione), e con un solo argomento all’ordine del giorno per le nostre comunità cristiane: “Verso le Unità pastorali”. Il primo incontro sinodale si terrà nelle nostre parrocchie. Ogni singola comunità parrocchiale della nostra Diocesi, oppure le parrocchie affidate alla cura pastorale di un singolo parroco, dal 16 gennaio al 13 febbraio 2022 si incontreranno per discutere insieme. In concreto, come si svolgerà l’incontro nelle nostre parrocchie? Attraverso alcune fasi.

1. Preghiera e condivisione

La prima fase è quella della preghiera e della condivisione: vogliamo porci in ascolto del Signore, invocando il suo Santo Spirito con l’antica preghiera dell’Adsumus, mettendoci poi in ascolto della Parola di Dio. Abbiamo scelto il brano dei discepoli di Emmaus proprio per partire in modo chiaro e netto dall’ascolto e dalla presenza del Signore in mezzo a noi.

2. Il messaggio del nostro Vescovo

Dopo aver pregato e meditato, accoglieremo il videomessaggio del nostro Vescovo. Dopo ci sarà un momento di confronto all’interno delle nostre parrocchie sui temi che il Vescovo ha introdotto, insieme ad altri che attraverso alcuni documenti potremo discutere: i diversi filoni, cioè le attività pastorali presenti in ogni parrocchia; le parti della Lettera pastorale del Vescovo dedicate alle Unità pastorali, specialmente il numero 38, e altro materiale del Sinodo universale dei Vescovi che ogni comunità riceverà.

3. Restituzione

Successivamente, proprio stimolati da questi documenti, potremo condividere insieme e fare il cosiddetto cammino di restituzione, ovvero arrivare a produrre alcuni contributi che l’ascolto della comunità avrà suscitato, affinché la Diocesi possa organizzare il percorso sinodale. Ci siamo detti che non è un compitino da svolgere, ma qualcosa in cui crediamo profondamente perché è il cammino della nostra Chiesa: impressioni, consigli, suggerimenti che dall’assemblea parrocchiale crediamo possano essere importanti e utili per il cammino della nostra Diocesi. E poi, tutto ciò che viviamo: le persone che sono coinvolte nella pastorale della parrocchia, i diversi compiti e filoni pastorali che crediamo siano importanti da portare nel nuovo percorso delle Unità pastorali. Tutto questo materiale raccolto dovrà poi essere inviato alla équipe diocesana sinodale entro il 14 febbraio 2022. A quel punto si aprirà la fase successiva del nostro cammino, ovvero gli incontri sinodali nelle singole Unità pastorali. Tutte le Unità pastorali della nostra Diocesi si riuniranno, sempre con il Vescovo, insieme ai presbiteri, a tutti i componenti le nostre comunità, per camminare insieme. Come proprio la parola “Sinodo” ci suggerisce.

don Stefano Tessaglia
Delegato vescovile per la fase diocesana del Sinodo

Un cammino, una pagina e il materiale

Tutto il materiale, le schede per gli incontri, le tracce, così come i video con il discorso integrale del nostro Vescovo e di don Stefano sono disponibili sulla pagina dedicata. Digita diocesialessandria.it/sinodominore2022. La pagina verrà aggiornata durante questo cammino sinodale.

Leggi anche:

Check Also

Colui che viene dopo di me è più forte di me

Dall’Angelus di papa Francesco Cari fratelli e sorelle, buongiorno! Nel Vangelo di questa seconda domenica …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: