Home / Rubriche / Alessandria Racconta

Alessandria Racconta

Descrizione

maggio, 2018

  • 22 maggio

    Alessandria racconta – La statuetta di Gagliaudo

    Sulla facciata del nostro duomo, all’angolo di via Parma, è posta una statuetta, alquanto abrasa, che secondo la tradizione popolare raffigurerebbe il mitico Gagliaudo Aulari, con la seguente iscrizione: «gagliaudo aulario / de patria b. m. statuam / templo m. vix fundato / anno mclxxv e. p. d. erectam / …

  • 7 maggio

    Alessandria Racconta – Iniziò tutto il 3 maggio 1168

    Nella giornata di venerdì 3 maggio 1168, Rodolfo Nebia, Aleramo da Marengo e Oberto di Foro, in qualità di consoli delegati, portarono ai rettori della Lega Lombarda, riuniti a Lodi, l’adesione di una nuova città, che in onore di papa Alessandro III (al secolo Rolando Bandinelli) aveva assunto il nome …

aprile, 2018

  • 23 aprile

    Alessandria Racconta – Il platano di Napoleone

    Il «platano di Napoleone» sopravvive al chilometro 96 della trafficata Strada Statale n.10 che porta a Spinetta, a due passi dallo svincolo della tangenziale. Narra la leggenda popolare che il Primo Console abbia riposato sotto le sue fronde dopo la vittoriosa battaglia di Marengo del 14 giugno 1800. La circostanza …

marzo, 2018

  • 28 marzo

    Alessandria Racconta – Giuditta della Fraschetta

    . La figura di Giuditta della Fraschetta appartiene alla tradizione orale popolare, a cui ha attinto Pier Luigi Bruzzone per la stesura dell’omonimo racconto storico. Il libro narra le vicende di Michelina Pandoro, una giovane e bella fanciulla di Bosco Marengo, che si dice fosse vissuta nel periodo dell’occupazione francese …

  • 14 marzo

    Alessandria Racconta – La regina Pedoca

    Ricorrente nella tradizione orale piemontese, il mito di Pedoca può aver avuto origine dai canti popolari del medioevo che celebravano Bertrada di Laon, madre di Carlo Magno, conosciuta come «Berta dal gran piè» per via di un piede più lungo dell’altro. Alcuni pensano possa trattarsi della omonima figlia di Alarico …

  • 6 marzo

    Alessandria Racconta – L’incendio della chiesa

    Il 25 febbraio del 1700 un incendio, forse doloso, distrusse seriamente la chiesa dedicata a San Giuliano Martire, probabilmente la più antica della Fraschetta. Il tempio si trovava ai margini della parrocchia, in un’area che successivamente diventerà la piazza principale di San Giuliano Vecchio. Dai documenti storici presi in esame …

febbraio, 2018

  • 20 febbraio

    Alessandria Racconta – La «Busina’ dir Castlas»

    Gli estimatori del vernacolo locale possono rallegrarsi: è ritornata la Businà dir Castlas. A seguito del grande successo ottenuto l’anno scorso, la Pro Loco di Castellazzo Bormida e l’Associazione Alessandria in Pista ripropongono per sabato 17 febbraio, alle ore 21.00, presso il salone della Soms, una serata dialettale intitolata: «Businà e auter baladi». …

  • 14 febbraio

    Alessandria Racconta – Il carnevale del borotalco

    Terminato il secondo conflitto mondiale, anche ad Alessandria tornò subito la voglia di divertirsi. Negli anni Cinquanta, grazie all’intraprendenza dell’Aga (la compagnia che comprendeva i goliardi alessandrini), venne organizzato un evento carnascialesco rimasto memorabile: la battaglia del borotalco. Nel libro «90 anni la nostra storia» di Alberto Ballerino, nonché sul …

  • 7 febbraio

    Alessandria Racconta – Il commissario Vespucci

    Tra la fine del 1484 e l’inizio del 1485, Gian Galeazzo Sforza, signore di Milano, nominò commissario cispadano, vale a dire governatore dei distretti di Tortona e Alessandria, un funzionario molto intransigente: il fiorentino Pietro Vespucci, cugino del più famoso Amerigo. Il suo atteggiamento spavaldo gli procurò però fin da …

gennaio, 2018

  • 31 gennaio

    Alessandria racconta – La fine di Guglielmo VII Spadalunga

    Nel corso del XIII secolo l’Italia fu sconvolta dalle feroci lotte intestine tra guelfi e ghibellini. Anche Alessandria vide l’alterno prevalere dell’una e dell’altra fazione. Intorno al 1260 il partito dei guelfi chiese la protezione del condottiero Oberto II Pallavicino, signore di Piacenza, e dieci anni più tardi quella del re di Sicilia Carlo I …