Home / Vangelo / Buona Domenica / Chi sono gli “spiriti impuri” che Gesù scaccia?

Chi sono gli “spiriti impuri” che Gesù scaccia?

“I nostri sacerdoti rispondono”

Domenica 31 gennaio il Vangelo che ascolteremo è Mc 1,21-28: “Ed erano stupiti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi”. Nel testo si racconta di Gesù che predica nella Sinagoga di Cafarnao e dello spirito impuro che il Signore scaccia dal corpo di un indemoniato.

«Mi ha sempre stupito questo tema dell’uomo posseduto dallo spirito impuro, che una volta uscito si mette a dialogare con Gesù: non ho mai capito di che cosa si tratti esattamente. Che cosa sono gli spiriti impuri? Io non ne ho mai visto uno né tantomeno ci ho parlato. Mi aiuterebbe a capire meglio?».

Don Giuseppe Biasiolo, parroco di Bosco Marengo e Frugarolo, ci aiuta a fare chiarezza.

«Anch’io non ho mai conosciuto spiriti impuri, non li ho mai visti e non ci ho mai parlato. Sgombriamo il campo da un possibile fraintendimento, che deriva dal nostro retroterra culturale sul sesto comandamento, “non commettere atti impuri”: in questo caso il sesso non c’entra.

Lo spirito impuro non è tale perché induce a compiere comportamenti sessuali scorretti: lo spirito è impuro perché provoca impurità rispetto all’appartenenza al popolo eletto, cioè provoca malessere, una deformazione nei comportamenti, tutti aspetti che evidenziano una non-appartenenza del soggetto al popolo eletto. Tant’è vero che per essere ri-ammessi nel popolo eletto, costoro dovevano ricevere il lasciapassare dai sacerdoti.

Vi ricordate l’episodio del del cieco nato? I discepoli di Cristo rivolgono questa domanda al maestro: “ma ha peccato lui o i suoi genitori perché nascesse cieco?”. La cecità del soggetto viene attribuita come causa dei peccati suoi o dei suoi genitori, quindi a un’azione dello spirito impuro che ha reso il soggetto non degno di appartenere al popolo eletto.

Quando Cristo lo guarisce, lo manda appunto dai sacerdoti a farsi riammettere nel popolo eletto. Probabilmente questo soggetto davanti a Cristo nella sinagoga di Cafarnao si dibatteva un po’ come un epilettico: Cristo lo libera e dimostra così di essere lui il vero lasciapassare per l’appartenenza al vero popolo eletto».

Per guardare il video integrale visita il canale YouTube della Diocesi di Alessandria cliccando qui

Se hai delle domande da fare al Vescovo e gli altri sacerdoti, scrivici a redazione@lavocealessandrina.it

Leggi anche gli altri approfondimenti su “Buona Domenica”

Check Also

Io sono il pane della vita

Commento al Vangelo di don Emanuele Rossi Commento al Vangelo di domenica 1° agosto 2021 …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: