Home / Rubriche / Libri / La vita di Gemma Galgani

La vita di Gemma Galgani

LIBRI – Nell’abisso del mondo, editrice Città Nuova, pp 128, euro 9
Autobiografia e diario di una ragazza lucchese

Nata in arcidiocesi di Lucca nel 1878, Gemma Galgani vive l’esperienza della povertà e della solitudine, confortata da frequenti visioni di Gesù, di san Gabriele dell’Addolorata e dell’angelo custode. Muore di tubercolosi a soli 25 anni: Pio XI la beatifica nel 1933 e il venerabile Pio XII la canonizza nel 1940. Ora Città Nuova pubblica la sua autobiografia e il suo diario con il titolo “Nell’abisso del mondo”. La mistica toscana racconta con semplicità le sue inquietudini giovanili e le sue lotte, anche fisiche, con il demonio, che le appariva talvolta sotto forma di grosso cane nero. Impossibilitata a diventare suora per scarsa salute e assenza di dote, scopre la sua vocazione: partecipare alla passione di Cristo dando il proprio contributo per la salvezza dei peccatori. Ciò avverrà in modo concreto, fino al punto di ricevere le stigmate nel 1899. A qualcuno i tratti di questi racconti spirituali possono apparire non più adeguati ai nostri tempi ma i messaggi che essi trasmettono sono alla fine riconducibili all’articolo di fede sulla comunione dei santi. Nel caso di Gemma tale comunione fu straordinaria, a volte immediatamente sensibile, come quando il Crocifisso l’abbracciò, ma non può mancare nella vita di qualunque cristiano, che deve vivere alla presenza del Signore. La fortuna della ragazza lucchese fu anche quella di avere ottimi maestri e la sua saggezza fu quella di assecondarli: fu allieva della beata Elena Guerra, figlia spirituale del servo di Dio Giovanni Volpi, vescovo ausiliare di Lucca e discepola del venerabile Germano Ruoppolo, sacerdote passionista.

Fabrizio Casazza

About Redazione La Voce Alessandrina

Lascia un commento