Home / Chiesa / 8xmille / Una Chiesa che sa essere casa
Clicca e abbonati

Una Chiesa che sa essere casa

L’8X1000 IN DIOCESI DI ALESSANDRIA

Una Chiesa che sa essere casa

Per la cura delle anime, si è inteso indirizzare i fondi 8×1000 alla gestione della curia diocesana e degli uffici pastorali e alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle loro sedi per consentire lo svolgimento delle relative attività. I beneficiari sono di riflesso tutte le persone a cui si rivolgono le attività pastorali che senza adeguata sede non potrebbero essere svolte, per una sempre maggiore coesione della comunità diocesana attraverso le attività pastorali svolte e la fornitura di adeguati servizi. In particolare, i fondi sono stati destinati al pagamento degli stipendi e delle assistenze date dai liberi professionisti in materia fiscale e in materia tecnica in supporto alle necessità manutentive degli edifici, occasione con relativi oneri contributivi; una buona parte dei fondi è stata utilizzata per il pagamento delle utenze, per la manutenzione degli impianti, per i canoni e i noleggi di tutte le stampanti con le relative forniture e manutenzioni, e infine per la cancelleria.

Una parte dei fondi è stata destinata alla gestione e manutenzione dell’ex Seminario Vescovile di Santa Chiara, oggi luogo di incontro del clero, corsi di formazione a carattere pastorale, riunioni Oftal e altre associazioni di volontariato. I fondi sono stati impiegati per il pagamento degli stipendi con i relativi oneri contributivi e delle utenze, la manutenzione degli impianti e opere edilizie, tutto ciò per consentire la fruibilità della sede che contribuisce alla coesione della comunità diocesana. Cura delle anime significa anche finanziare la gestione e manutenzione dell’immobile Casa del Clero, destinato ad accogliere il clero sia con un’attività di mensa sia con il servizio di accoglienza notturna, in modo da agevolare il clero anziano e/o malato che non abbia appoggi parentali cui affidarsi. Anche in questo caso, i fondi sono stati impiegati per il pagamento degli stipendi, collaborazioni occasionali e consulenze tecniche con i relativi oneri contributivi, il pagamento delle utenze, la manutenzione degli impianti, oltre che per il pagamento dei generi alimentari. Inoltre, è stato necessario intervenire in favore di parrocchie in difficoltà come per la Beata Vergine Assunta di Carentino e per San Bartolomeo di Valle San Bartolomeo.

Valentina Filemio

Check Also

Viviamo insieme una nuova Pentecoste

Domenica 31 maggio alle 10.30 in Cattedrale Giovanni XXIII (nella foto qui sotto), eletto papa …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: