Home / Il Contrappello / Fare ordine nel disordine
Clicca e abbonati

Fare ordine nel disordine

“Il contrappello” di Paolo Massobrio

Questa settimana su Avvenire ho parlato di ordine e disordine di queste settimane d’isolamento. Tante attività hanno chiuso in seguito a un ordine, ma è emerso il disordine del lavoro nero, dei lavoratori dei campi sfruttati e sottopagati, che non ci sono più, ma che sono necessari per raccogliere frutta e verdura che alimentano tutta la filiera. Si pretende l’ordine nel disordine, ma non può funzionare. C’è anche un altro allarme, meno grave, ma da considerare: il restare chiusi in casa favorirebbe sedentarietà e maggiore quantità di cibo cucinato e, di conseguenza, sovrappeso e obesità.

Accanto al disordine alimentare c’è poi quello del tempo libero, se esso è delegato ai palinsesti televisivi. Pupi Avanti ha proposto che almeno la tivù pubblica trasmetta programmi che diffondano bellezza, cultura, conoscenza. Ma anche la Rai deve fare i conti con l’Auditel, a meno che alcune grandi aziende non decidano di “adottare” alcuni film, serie e trasmissioni che aiutino gli Italiani a riscoprire la bellezza del loro Paese, riappropriandosi così di qualcosa di prezioso.

Leggi altri articoli de “Il contrappello”:

 

Check Also

Una preghiera, molte versioni

“La recensione” di Fabrizio Casazza Il sacerdote milanese Matteo Crimella (nella foto di copertina) è …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: