Home / Prima pagina / Editoriale / E se la convenienza convenisse?

E se la convenienza convenisse?

Editoriale 

Care lettrici,
cari lettori,
apriamo Voce di questa settimana con una intervista, a mio avviso molto significativa, a Marco Bologna, un amico che conosciamo da tempo (lo abbiamo già “disturbato” altre volte: ricordo, per esempio, il racconto commosso della sua devozione alla Madonna della Salve). L’occasione per parlare con lui di volontariato, Protezione civile e soprattutto Croce Rossa è scaturita dai prossimi appuntamenti con i Martedì di Quaresima della nostra Diocesi. Il primo sarà il 14 marzo alle 21, all’Auditorium della parrocchia di San Baudolino, con Cecilia Crescioli, segretaria generale della Croce Rossa italiana. Ecco, parlare con Marco Bologna di Croce Rossa (ma anche di comunità e di servizio) è come aprire una finestra e respirare dell’aria buona, che riempie i polmoni. Ascoltare una persona così a me fa bene: sentire come sono nate la Protezione civile e la Croce Rossa nel suo paese, Piovera, fa capire come le esperienze veramente utili sono quelle che rispondono a ciò che emerge nella vita delle persone (non vi anticipo nulla… leggete l’intervista qui di fianco. Mi ringrazierete). Le iniziative, anche quelle “buone”, durano perché qualcuno prende sul serio innanzitutto il proprio bisogno: non si va lontano donandosi agli altri senza una ricaduta positiva sulla vita personale. Ci vuole sempre una convenienza umana. E guardate che “convenienza” non è sinonimo di egoismo; ma indica che muoversi in un certo modo “conviene”. A tutti. Non solo a noi, quando chiamiamo con urgenza un’ambulanza (e questa arriva rapidamente); ma conviene anche a chi l’ambulanza la guida, al medico che presta il primo soccorso e ai volontari che lo accompagnano. Umanamente, il bene porta solo bene. Con un enorme effetto collaterale: che, stando a contatto con i drammi veri della vita, si matura più in fretta. E l’esistenza diventa più densa.
Chiedete a Marco Bologna.

direttore@lavocealessandrina.it

Check Also

Aiutiamo la Terra Santa

«Non possiamo rimanere indifferenti: dobbiamo facilitare, nel rispetto di tutti, percorsi di ricostruzione e di …

%d