Home / Azione Cattolica / «A Torgnon una comunità che si vuole aprire al mondo»

«A Torgnon una comunità che si vuole aprire al mondo»

Speciale “50 anni di Maria Nivis”

Fabio Pugliese, 46 anni, responsabile di Coompany 2 per la “Maria Nivis”.

Fabio, voi di Coompany siete entrati in tempi recenti nella storia della “Maria Nivis”…

«Premetto: io sono un grande tifoso del Toro, una squadra che per me è storia e passione. E qui alla “Maria Nivis”, in cui lavoro dal 2016, ritrovo la stessa atmosfera. Grande passione: chi passa di qui si porta dietro un pezzo della Casa, giovane o meno giovane che sia. Si respira il clima di una comunità che si vuole aprire, che sta attenta al contesto e non dimentica il motivo per cui la “Maria Nivis” è stata costruita. Non solo non lo dimentica, ma lo porta avanti ancora oggi. La Casa è stata concepita come un luogo di relax formativo, e chi ci tiene davvero queste cose le porta avanti».

Mi faresti qualche esempio?

«Penso ai campi estivi dell’Azione Cattolica, una tradizione che continua e anzi si rafforza nel tempo. Come è accaduto quest’anno, in cui le condizioni erano difficili ma non si è voluto rinunciare a questo momento, soprattutto tra i più giovani. Ma penso anche al momento educativo con il Saluzzo-Plana: le classi prime del liceo sono venute a fare una gita educativa proprio qui alla “Maria Nivis”, e fra i protagonisti più attivi ci sono stati proprio i ragazzi cresciuti nei campi estivi della Casa».

Questo aspetto educativo lo state esportando anche fuori diocesi…

«Per noi è un elemento fondante. Noi di Coompany abbiamo due missioni: una è l’inserimento lavorativo, l’altra è l’educazione, che si struttura in due modi. Da una parte, infatti, ospitiamo chi vuole fare attività educative, dall’altra siamo noi stessi a promuovere attività di questo tipo per le scuole. Le nostre proposte educative consistono in gite di tre giorni nelle quali si affrontano temi diversi: intercultura, consumo, integrazione e modelli comportamentali. Sono i cosiddetti “percorsi di cittadinanza attiva”, che tra l’altro proporremo anche alla diocesi di Ivrea, che ci ha affidato una casa in gestione».

Andrea Antonuccio

Leggi anche:

Check Also

«Ho risposto alla Sua domanda: “Perché sei venuto qui?”»

Ordine Domenicano Fra Matteo, cosa hai provato durante l’ingresso nelle “professioni semplici”? «Diversi i pensieri …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: