Home / Alessandria / Memoria dimenticata, la docuserie sulla rivolta nel carcere di Alessandria realizzata da LaV Comunicazione

Memoria dimenticata, la docuserie sulla rivolta nel carcere di Alessandria realizzata da LaV Comunicazione

Da venerdì 10 maggio ogni settimana online una nuova puntata

Venerdì 10 maggio è stata pubblicata online la prima puntata di “Memoria dimenticata”, la docuserie sulla rivolta al carcere “Don Soria” del 1974. Si tratta di un progetto dell’Ufficio comunicazioni sociali della Diocesi di Alessandria in collaborazione con la Direzione degli Istituti penitenziari alessandrini, realizzato da LaV Comunicazione grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria.

QUI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SULLA SERIE

In occasione dell’uscita della docuserie, a 50 anni di distanza da quei tragici fatti, è stata proiettata la prima puntata a Palatium Vetus alla presenza dei familiari delle vittime, delle autorità, dei giornalisti e di chi ha collaborato alla realizzazione della docuserie.

MEMORIA DIMENTICATA: LA PRIMA PUNTATA – OSTAGGI

 

MEMORIA DIMENTICATA, SECONDA PUNTATA: UN ATTACCO IMPROVVISO

MEMORIA DIMENTICATA: LA TERZA PUNTATA

MEMORIA DIMENTICATA: IL TRAILER 

 

GLI ORGANIZZATORI e i PROMOTORI. «Come nel nostro stile di comunicazione, cerchiamo sempre di metterci al servizio della comunità e del territorio in cui viviamo. In questo caso, abbiamo affrontato una questione che non si è completamente risolta 50 anni fa, ma ancora oggi porta con sé ferite delle quali abbiamo cercato di prenderci cura, raccontando la storia e il sacrificio di cinque persone. Sono veramente contento di questa realizzazione e spero che i suoi frutti possano essere a disposizione di tutta la comunità» dichiara monsignor Guido Gallese, Vescovo di Alessandria.

«È importante ricordare la memoria di operatori penitenziari che hanno perso la vita durante l’esercizio del proprio mandato. Il loro sacrificio estremo deve costituire per noi ulteriore motivo, ulteriore leva per onorare il loro lavoro ed esercitare al meglio la nostra funzione»: queste le parole di Maria Isabella De Gennaro, direttrice degli istituti penitenziari alessandrini.

«Siamo onorati di offrire la nostra collaborazione alla realizzazione di questa docuserie che sarà il contributo della nostra comunità alla “memoria dimenticata”, a 50 anni dalla rivolta nel carcere di Alessandria, e che racconta il dramma di una vicenda che le cronache ci confermano di grande attualità. Un plauso alla Diocesi di Alessandria, agli ideatori e a quanti hanno contribuito alla produzione di una testimonianza attenta e scrupolosa di vicende drammatiche che sollevano interrogativi che non hanno ancora  ricevuto risposta» afferma il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, notaio Luciano Mariano. 

LA STORIA. Il 9 e 10 maggio 1974 viene scritta una delle pagine più buie per la città di Alessandria. Nella Casa di reclusione “Don Soria” di Alessandria, tre detenuti armati, Cesare Concu, Domenico Di Bona ed Everardo Levrero, presero in ostaggio una ventina di persone (insegnanti della scuola carceraria, il medico, agenti di custodia e altri detenuti). I rivoltosi vogliono evadere. Seguiranno due giorni di trattative, di tensione, di dolore, di lacrime e di verità ancora da scoprire. Il bilancio sarà tragico: cinque morti tra gli ostaggi, due tra i rivoltosi e decine i feriti. 

A perdere la vita saranno il dottor Roberto Gandolfi, il professor Pier Luigi Campi, l’appuntato Sebastiano Gaeta, il brigadiere Gennaro Cantiello e l’assistente sociale Graziella Vassallo Giarola. Dei rivoltosi, Cesare Concu fu ucciso dalle forze dell’ordine, Domenico Di Bona si suicidò, mentre Everardo Levrero rimase illeso e venne processato. 

LE TESTIMONIANZE. In “Memoria dimenticata” verranno ripercorsi i due giorni della rivolta e tutto ciò che è accaduto dopo, tra processi, indagini, teorie e verità ancora da scoprire. Ci saranno testimonianze inedite, a partire da quella di Everardo Levrero, l’unico sopravvissuto dei tre rivoltosi, che oggi vive fuori dall’Italia e non ha mai rilasciato dichiarazioni. 

Ci saranno anche le voci di alcuni parenti delle vittime: Roberto Cantiello, Luigi Gaeta, Stefano e Fabrizio Gandolfi. Ma anche dei familiari dei sopravvissuti, come Felice Rossi, figlio dell’ingegner Vincenzo Rossi, che rimase ferito gravemente ma si salvò. 

I giorni della rivolta verranno ripercorsi con chi era presente in quel maggio 1974: il sindaco dell’epoca, Felice Borgoglio; la giornalista Emma Camagna e l’agente di custodia Leonardo Salerno. 

Ricostruiranno il quadro storico degli Anni 70 le testimonianze dei giornalisti Andrea Antonuccio (La Voce Alessandrina), Piero Bottino (La Stampa), Enrico Casarini (Tv Sorrisi e Canzoni), Roberto Gilardengo (Il Piccolo) e Giovanni Savarese (Audio Tales). 

A raccontare il senso e il valore di quella vicenda anche il sindaco di Alessandria Giorgio Abonante e la direttrice degli istituti penitenziari alessandrini, Maria Isabella De Gennaro.

Infine, le testimonianze di Antonio Aloia, Tony Frisina, Egidio Lapenta e Paola e Maria Parola, queste ultime rispettivamente figlia e nipote dell’allora sostituto procuratore della Repubblica, Marcello Parola. 

La presentazione. La prima puntata di “Memoria dimenticata” sarà presentata pubblicamente, con un evento aperto a tutta la cittadinanza, venerdì 10 maggio alle ore 19.30, a Palatium Vetus (Piazza della Libertà 28, Alessandria), sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria. Dopo il benvenuto del Presidente Luciano Mariano e i saluti iniziali, la proiezione della prima puntata. A seguire, testimonianze e condivisioni.  

Interverranno il sindaco di Alessandria in carica nel 1974 Felice Borgoglio, la giornalista Emma Camagna, il regista Luca Ribuoli e Alessandro Venticinque, autore della docuserie. Modera la serata Andrea Antonuccio, direttore di La Voce Alessandrina. I posti sono limitati, si prega di prenotare il posto scrivendo a rivoltadonsoria@lavcomunicazione.it.

IN ONDA DAL 10 MAGGIO. “Memoria dimenticata” è online dal 10 maggio 2024: sui social di LaV Comunicazione e sul sito lavcomunicazione.it/memoriadimenticata. Chi volesse raccontare la propria esperienza legata a questa vicenda, può scrivere a rivoltadonsoria@lavcomunicazione.it.

RASSEGNA STAMPA

Un docu-film per raccontare i 50 anni dalla rivolta nel carcere di Alessandria – Rai – Tgr Piemonte

Cinquant’anni dalla strage del carcere di Alessandria: i dubbi irrisolti e la lezione dimenticata – Il Domani

Cinquant’anni dopo la rivolta del carcere di Alessandria, una serie per ricordare la strage dimenticata – L’Espresso

Rivolta del carcere di Alessandria, una docuserie per i 50 anni dalla strage – La Stampa

Memoria Dimenticata, la rivolta nel carcere di Alessandria del 1974 in un docufilm della Diocesi – Famiglia Cristiana

Alessandria. 50 anni fa la strage del carcere: verso la verità, docuserie della diocesi – Avvenire

Strage Don Soria: a 50 anni di distanza parla l’ultimo rivoltoso – La Stampa

Alessandria, il Generale Dalla Chiesa e la rivolta nel carcere finita in strage. La docuserie sulla tragedia di 50 anni fa – Corriere della Sera

Alessandro Venticinque, autore della Docuserie “Memoria dimenticata” è stato intervistato nella puntata di Jailhouse Rock di sabato 18/05/2024, trasmissione a cura di Susanna Marietti e Patrizio Gonnella – Radio Popolare

Alessandro Venticinque – autore del documentario sulla rivolta di Alessandria intervistato su Giornale Radio nella trasmissione Il Timone di Daniele Biacchessi (dal minuto 40)

“Memoria dimenticata”, la docuserie sulla rivolta in carcere – Il Piccolo

“Memoria dimenticata”: dal 10 maggio la docuserie sulla rivolta nel carcere – Il Monferrato

Una docuserie racconterà la drammatica rivolta in carcere di 50 anni fa ad Alessandria – Radio Gold

Memoria dimenticata, la docuserie sulla rivolta del carcere di Alessandria – Rainews.it

 

Check Also

C’è un tempo per ogni azione, intervista a Leonardo Macrobio: «Se non emerge il fascino che Cristo ha nella mia vita, è difficile che io possa mostrarlo a qualcuno»

Intervista al primo ospite del percorso: Leonardo Macrobio Parla il direttore dell’Ufficio catechistico, responsabile dell’area …

%d