Home / Vangelo / O Dio, abbi pietà di me peccatore
Clicca e abbonati
James Tissot, “Il fariseo e il pubblicano” - Acquerello su carta, 1886-1894, Brooklyn museum, New York

O Dio, abbi pietà di me peccatore

Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri:
«Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano.
Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”.
Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”.
Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».

Commento

Check Also

Perché tutti vivono per lui

Commento al Vangelo «Non possono più morire, perché sono uguali agli angeli» Commento al Vangelo …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: