Home / Rubriche / Collezionare per credere / Il cult “Funko Pop”
Clicca e abbonati

Il cult “Funko Pop”

“Collezionare per credere” di Mara Ferrari

La Funko Pop, in questi anni, sta diventando un vero e proprio cult grazie alle statuette giapponesi che ormai si trovano un po’ dappertutto, non solo nelle fumetterie manganeggianti. Le figures risultano caratterizzate dall’inconfondibile stile a testa quadrata, angoli arrotondati e occhioni simili a pulsanti. Si tratta di miniature, alcune con testa oscillante (bobble head), di formati diversi (il classico dieci centimetri) dedicate a personaggi di fantasia o reali.

«Sono articoli pensati per un pubblico di appassionati e di collezionisti, in cerca dei soggetti che si rivalutano nel tempo, come le versioni chase che presentano varianti di colore e accessori. Una curiosità: esistono perfino teche da comprare a parte per custodire le statuette e proteggerle dalla polvere; la versione con lucetta in plexiglass costa più del personaggio!» mi fa sapere Samantha Furlan.

Visto il successo, ipotizza perfino aperture di Funko stores in città. Il design di queste simpatiche vinyl figures rende i personaggi ancora più buffi, manga e dissacranti i vari generi della raccolta. Dai personaggi del cinema, come quelli di “Guardiani della Galassia”, “E.T.”, “Kill Bill”, “Lo Hobbit”, “The Goonies”, “Ritorno al Futuro”, “Transformers”, “Ghostbusters”, “Star Wars”, “Star Trek” e “Matrix”...

Ai personaggi del cinema di animazione come Dragons Trainer o dei cartoni Disney di tutti tempi, dal Re Leone a Frozen, passando per il settore videoludico o dei giochi di carte come World Of Warcraft, Mass Effect, Assassin Creed e Magic The Gathering. Molto gettonati i Funko pop del football, delle icone fumettose come Dragon Ball, Simpsons, Puffi, gli eroi della DC Comics e della Marvel

Chiudiamo con i personaggi delle serie tv più amate degli ultimi tempi: “Breaking Bad”, “The Walking Dead”, “Game Of Thrones”, “The Big Bang Theory”, l’inossidabile “Mr Bean”: quest’ultimo, per esempio, è disponibile in una versione da 50 euro (il prezzo base delle statue è di 15 euro) e più difficile da trovare, essendone stati prodotti solo pochi esemplari. Insomma, vi consiglio di regalarvi il Pop che fa per voi: intanto, io ho scelto l’inossidabile Jessica Fletcher (nella foto)!

Leggi altri articoli di “Collezionare per credere”:

 

Check Also

Prepariamoci a una buona annata

“La testa e la pancia” di Silvio Bolloli Ci sono almeno tre buone ragioni che …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: