Home / Alessandria / La Colletta alimentare festeggia 25 anni

La Colletta alimentare festeggia 25 anni

Sabato 27 novembre l’iniziativa del Banco alimentare

La Giornata nazionale della Colletta alimentare, promossa dalla Fondazione Banco alimentare, compie 25 anni e torna anche in presenza, dopo l’esperienza dello scorso anno in cui era dematerializzata e realizzata con gift card convertite in cibo. Nell’edizione di quest’anno, che si svolgerà sabato 27 novembre, nei supermercati aderenti all’iniziativa, si potranno di nuovo acquistare fisicamente alimenti non deperibili da donare alle persone in difficoltà, accolte dalle strutture caritative convenzionate con Banco alimentare.

Circa 145 mila volontari, distanziati e muniti di green pass, in 11 mila supermercati in tutta Italia, inviteranno a comprare prodotti a lunga conservazione: omogeneizzati alla frutta, tonno e carne in scatola, olio, legumi, pelati. I prodotti donati saranno poi distribuiti alle 7.600 strutture caritative convenzionate con Banco alimentare (mense per i poveri, comunità per i minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza) che sostengono quasi 1 milione e 700 mila persone.

«Venticinque anni, un anniversario importante per la Colletta, un grande gesto di solidarietà per le persone in difficoltà che unisce tutta l’Italia» afferma Salvatore Collarino, presidente di Banco alimentare del Piemonte. «L’emergenza sanitaria, infatti, ha e avrà ancora ricadute importanti sul nostro territorio e per questo dobbiamo continuare ad aiutare le persone che hanno bisogno e le tante che si sono trovate in un’emergenza improvvisa e inaspettata come quella che ci ha colpito lo scorso anno. Speriamo possano presto, anche grazie al nostro sostegno, tornare a una vita normale» aggiunge Collarino.

Per chi non riuscisse a recarsi in uno dei punti vendita aderenti sarà possibile donare la spesa anche online dal 29 novembre al 10 dicembre su Amazon.it. Ma non è tutto. Da domenica 28 novembre a domenica 5 dicembre 2021 la Colletta continuerà anche attraverso le Charity card di Epipoli, da 2, 5 o 10 euro, che potranno essere acquistate nei supermercati aderenti all’iniziativa oppure online sul sito www.mygiftcard.it. Le donazioni saranno poi convertite in alimenti.

Testimonial della Colletta alimentare 2021 è il calciatore della Juventus e della Nazionale italiana, Giorgio Chiellini (nella foto), protagonista di uno spot di lancio dell’iniziativa solidale; lo spot sarà visibile in televisione, sul sito e sui canali social di Banco alimentare. «Siamo grati di avere un testimonial come Giorgio Chiellini che ha sempre dimostrato come, con passione, dedizione e sacrificio, lavorando in squadra, si possano raggiungere grandi risultati. È il tentativo quotidiano di Banco alimentare per rispondere ad un bisogno che continua a crescere» conclude Collarino.

Questa iniziativa, in Piemonte, ha collezionato numeri importanti. La Colletta del 2019, l’ultima edizione in presenza, ha visto protagonisti 1.200 punti vendita, con oltre 12 mila volontari impegnati e 605 strutture caritative convenzionate. Costante anche l’aiuto della Fondazione Banco alimentare durante il 2021: si stima un totale di 111.249 persone aiutate nel corso dell’ultimo anno, tra queste 23.820 minori, 7.528 over 64, 36.366 migranti e stranieri, 1.743 persone con disabilità e 1.206 senza fissa dimora. Mentre, nel periodo dal 1° gennaio al 31 ottobre 2021 sono state raccolte 7.614 tonnellate di cibo (+11% rispetto a ottobre 2020).

Un’iniziativa è resa possibile grazie alla collaborazione con l’Esercito, con l’associazione nazionale Alpini, con l’associazione nazionale Bersaglieri, con la Società di San Vincenzo De Paoli, con la Compagnia delle opere sociali e altre associazioni caritative. Diversi i main sponsor di questa edizione: da UnipolSai assicurazioni, Eni e Coca-Cola, al partner istituzionale Intesa Sanpaolo, fino ai partner logistici Poste italiane, Number 1 logistics group e Lactalis Italia. Per consultare i punti vendita aderenti e informazioni: colletta.bancoalimentare.it.

Leggi anche:

Check Also

Terza dose, sarà l’Asl a chiamare

Regione Piemonte Al posto della libera prenotazione della terza dose dai 18 ai 79 anni, …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: