Home / Alessandria / Sport / Grigi / Grigi, l’iscrizione c’è ma i dubbi rimangono

Grigi, l’iscrizione c’è ma i dubbi rimangono

L’ansia dei tifosi tra incognite e annunci social del presidente

La data segnata col circoletto rosso sul calendario, i tifosi grigi se la sono messa alle spalle: con un comunicato ufficiale apparso sul sito del club poco prima delle 20 di martedì, infatti, è stato annunciato che «l’Us Alessandria è lieta di comunicare che è stata regolarmente depositata, presso gli uffici della Lega Pro di Firenze, la documentazione necessaria per l’iscrizione al campionato di serie C 2023/2024».

Adesso occorrerà però vedere come il patron Enea Benedetto (nella foto qui sotto) costruirà staff tecnico e rosa: i dubbi, tanti, restano e il primo riguarda l’assetto societario che perde – ammesso che ci sia mai stata effettivamente e non solo sulla carta – la metà francese, con Alain Pedretti che decide di sfilarsi con parole – «per me fare calcio è una cosa seria» – che incoraggianti non sono.

E che non fanno altro che alimentare il punto di domanda più grosso, quello cioè legato alla solidità economica della nuova proprietà, da cui dipende direttamente la parte prettamente sportiva: se infatti sui social il presidente ha annunciato, nelle vesti di suo vice, Gianfranco Mariello – «amico fraterno» che con lui aveva già condiviso, nelle vesti di direttore sportivo, l’esperienza all’As Torino prima di essere sostituito da quel Michel Stojkovic presentato ad Alessandria nelle non meglio precisate vesti di market maker – continuano a restare vuote le caselle del direttore sportivo e dell’allenatore.

Senza dimenticare tutti gli altri aspetti, dai campi e dalle strutture per gli allenamenti fino ad arrivare allo staff che dovrebbe affiancare il tecnico. Intanto i giorni passano e la data ipotizzata per il ritiro (metà luglio) si avvicina: fatta l’iscrizione, le incognite su presente e futuro dell’Alessandria purtroppo restano.

Marina Feola

Check Also

La testa e la pancia di Silvio Bolloli – Viva la Dea  

Gioia e rimpianto, queste le sensazioni che ho provato vivendo la Finale dell’Europa League storicamente …

%d