Home / Rubriche / La pediatra risponde / Quando andare a nanna?
Clicca e abbonati

Quando andare a nanna?

La pediatra risponde di Sabrina Camilli

Buone abitudini per rigenerare le forze

Dottoressa, sono la mamma di Alberto che ha 4 anni. Rientro a casa intorno alle 19 e per le 21 insisto con il bambino per portarlo a dormire. Ma lui si oppone e non vuole. A che ora è giusto che vada a dormire? Quali consigli mi può dare?

Un bambino dell’età di Alberto, dai 4 ai 6 anni, necessita di circa 9/10 ore di sonno fermo restando che ci sono delle variabili individuali legate alla genetica e alla familiarità. Per esempio uno dei due genitori che ha sempre dormito poco sin dall’infanzia. Se i genitori rientrano tardi da lavoro e il bimbo è stato con i nonni, la babysitter o all’asilo, resta poco tempo da passare insieme. E quello è il desiderio più grande per il bimbo. Facciamo un esempio: se i genitori rientrano a casa per le 19 o 20, un’ora al giorno è insufficiente per la relazione con i proprio bimbi. La mia proposta è di spostare l’ora della nanna di almeno mezz’ora, spiegando al bambino che è importante stare insieme a mamma e papà, ma anche dormire bene per crescere sano e forte. I genitori possono mettersi d’accordo per preparare il bimbo alla nanna, magari chiedendo a lui cosa ha fatto durante il giorno.

Anche i genitori possono dire in modo semplice qualche piccolo fatto avvenuto nella giornata. Ovviamente raccontare favole o storie e leggere libri è una buona abitudine per accompagnare i propri bimbi all’addormentamento. Nella mia esperienza è utile la gratificazione e il premio come obiettivo nel caso il bambino rispetti le regole proposte dai genitori. Il premio non dev’essere per forza un gioco, anzi, meglio se sono momenti di condivisione, passeggiate, gioco, gite, ecc. Non dimentichiamo che ogni essere umano desidera sentirsi amato e ricevere attenzioni, sin dai primi istanti di vita. È importante occuparsi e preoccuparsi della salute fisica, ma anche di quella emozionale dei nostri bimbi, senza dimenticare il diritto al riposo dei genitori.

Leggi altri articoli de La pediatra risponde:

Check Also

Papa Francesco e il rapporto con Wojtyla

“La recensione” di Fabrizio Casazza “San Giovanni Paolo Magno” è il titolo non di una …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: