Home / Il punto di vista / Anche “Io resto a casa”
Clicca e abbonati

Anche “Io resto a casa”

“Il punto di vista” 

di Adriana Verardi Savorelli

“Io resto a casa!”. Obbedisco a questo monito che da più giorni ci viene trasmesso dai vari mass-media come norma di comportamento, per tentare di ridurre o fermare il contagio del coronavirus ,che spaventa perché ancora non si conosce la cura medica adatta per sconfiggerlo e semina vittime dovunque. Abito in città e in questi giorni di tiepido sole primaverile ho pensato che va bene camminare parecchie volte, avanti e indietro, sulla terrazza.

Un rimedio consolatorio… Baciata dal sole “m’illumino d’immenso”. Sì, penso alla celebre poesia di Ungaretti e guardo al mondo in modo diverso in questo doloroso tempo che stiamo vivendo. Guardo al bello che esiste nelle persone. Inizio da papa Francesco che seguo ogni mattina, alle ore 7 su Tv2000, quando celebra la Messa a Santa Marta e che, nonostante l’età avanzata, è andato e penso andrà ancora dopo questa forzata pausa, dovunque c’era bisogno di vicinanza affettiva, parole e gesti concreti di solidarietà; là dove vivono i dimenticati, i più poveri e più sofferenti, è misericordioso con tutti.

La sua presenza in questo mondo è luce dove c’è oscurità! Penso ai bravi sacerdoti che amano il prossimo come o più di loro stessi e s’impegnano ad aiutare in tanti modi creativi soprattutto le persone più fragili, soggette alla paura per il futuro. Per i lontani a volte bastano semplici messaggi, tramite WhatsApp, per ridare fiducia o per correggere fraternamente. Noi laici abbiamo bisogno di valide guide spirituali per camminare insieme lungo la Via Maestra e c’illuminiamo di luce vera.

Ricordo i Santi della porta accanto di cui nessuno parla perché non fanno rumore, agiscono nel nascondimento senza farsi pubblicità; sono vicini ai bisognosi con gesti concreti, anche solo con un sorriso, una carezza, una parola di conforto. Una luce bellissima arriva dai tantissimi medici e operatori sanitari che senza sosta soccorrono i malati afflitti da questo killer ignoto rischiando pure d’essere contagiati e di morire. Poi ci sono i Santi conosciuti che la Chiesa ha innalzato sugli altari e sono una schiera infinita…

Illuminano questo mondo tormentato che vive di troppe illusioni e ha bisogno di Verità. Sono come fari accesi giorno e notte sull’immensità del mare, di quel mare che tutti dobbiamo attraversare nell’unica barca che ci porta lontano, verso il traguardo finale e che non può naufragare. Penso in particolare a una Santa dei nostri tempi, Madre Teresa, ritornata alla Casa del Padre nel 1997, che con il sorriso sulle labbra è pronta ad accogliere i morenti rifiutati da tutti, là sulle strade indiane della miseria dove l’essere umano è nessuno. Lei ridà la dignità perduta a chiunque, senza distinzione di razza, lingua e religione; nel fratello o sorella sofferenti lei vede sempre Gesù Cristo. La Santa della carità e della misericordia, una luce sublime!

Ognuno di noi ha i propri ricordi di persone sante, presenti e passate, che con la loro testimonianza ci aiutano ad andare avanti con serenità, sicuri che questa tempesta passerà. Adoperiamo saggiamente questo tempo illuminandoci d’immenso…

Leggi altri articoli de “Il punto di vista”:

Check Also

Papa Francesco e il rapporto con Wojtyla

“La recensione” di Fabrizio Casazza “San Giovanni Paolo Magno” è il titolo non di una …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: