Home / Il Contrappello / “Riassegnarsi” per non rassegnarsi
Clicca e abbonati

“Riassegnarsi” per non rassegnarsi

“Il contrappello” di Paolo Massobrio

Nell’articolo per Avvenire di questa settimana mi sono chiesto dove stia le felicità e cosa possa riempire la vita. Ho trovato una risposta in una parola usata da uno psicoterapeuta, il professor Fabiano Bassi: “riassegnarsi”. Termine che sembra indicare uno stato in cui si inizia a percepire il valore di sé stessi, senza dover ricercare per forza un continuo consenso.

E trovo che faccia parte di questo processo di “riassegnazione” anche il volontariato, che in Italia conta un esercito di ben cinque milioni e mezzo di persone, costituito anche da tanti giovani. In questo siamo al primo posto in Europa e la politica non può ignorarlo. Anche i ristoratori milanesi, che fanno parte di un settore al momento in grave difficoltà, si sono attivati, e nei prossimi giorni porteranno i loro piatti in corsia, a medici e infermieri.

Leggi altri articoli de “Il contrappello”:

Check Also

Disobbedienza civile?

“Il contrappello” di Paolo Massobrio Nell’articolo di Avvenire di questa settimana, partendo dall’analisi della potenza …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: