Home / Alessandria / Sport / Grigi / La bellezza dell’imponderabile

La bellezza dell’imponderabile

“La testa e la pancia” di Silvio Bolloli

Una delle cose che ho imparato seguendo il calcio, una delle più importanti e forse anche divertenti, è che la tanto amata ars pedatoria non è quel che può definirsi una scienza esatta, anzi. Certo, ci sono regole, valori, intuizioni che solo una grande conoscenza degli uomini e delle loro caratteristiche possono affinare e che spesso fanno la differenza tra un allenatore capace e uno che non lo è.

Esiste la capacità di comprendere le qualità tecniche dei giocatori, le loro fragilità e, al contempo, i rispettivi stimoli e, naturalmente, anche quella sorta di magica alchimia – che si chiama amalgama – che fa sì che solisti spesso non di eccelsa qualità possano talora formare straordinarie orchestre e che, di contro, rendono stonato un insieme non sufficientemente armonico di individualità di eccellenza.

Ecco perché, anche in una situazione apparentemente inestricabile come quella dell’Alessandria di quest’anno che, nonostante acquisti a ripetizione e un importante avvicendamento in panchina, sembrava veramente non aver trovato la quadratura del cerchio, né intravedere la luce in fondo al tunnel, l’intuizione magica di un allenatore moderno e senza pregiudizi come Moreno Longo potrebbe rivelarsi la chiave di volta della stagione.

Stiamo parlando di un’intuizione che porta a voler togliere un uomo da un centrocampo troppo affollato ma clamorosamente privo di registi di qualità e aggiungerlo all’attacco, al tempo stesso infondendo quello spirito dinamico e aggressivo che prima mancava e che ha trasformato una formazione forte ma incredibilmente fragile in una compagine che sembra non aver più paura di nulla. E poi, non scordiamolo mai, la palla resta rotonda e una prestazione imponderabile, o quel sottilissimo velo di fortuna (lo stesso che porta il pallone a colpire un palo anziché infilarsi in porta, o un arbitro a prendere una decisione piuttosto che un’altra), possono sempre sparigliare le carte ed imprimere a incontri dall’esito apparentemente scontato un risultato inaspettato.

Di fronte a questa verità, drammatica o divertente a seconda di come la si guardi, anche il più esperto degli intenditori puoi rimanere sbugiardato e lo sport, quello autentico e demandato all’estro del singolo, riprendere il sopravvento e il suo giusto ruolo da protagonista.

Leggi anche:

Check Also

Stile Juventus

“La testa e la pancia” di Silvio Bolloli Un commentatore sportivo non dovrebbe mai lasciar …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: