Home / Rubriche / In cucina con i più piccoli / Marmellate al naturale

Marmellate al naturale

In cucina con i più piccoli

Vi è mai venuto in mente che la sola azione di produrre in casa propria delle conserve può avere anche un valore ecologico? Che la vostra semplice abilità può avere un impatto positivo sull’ambiente in generale? Sono le domande con cui ci provoca Federica Del Guerra, autrice di “Confetture al naturale”: un libro di Terra Nuova Edizioni che contiene oltre 100 ricette per preparare marmellate naturali senza zucchero raffinato con frutta fresca, secca, piante spontanee e fiori.

Se useremo ingredienti locali e naturali, frutta sana, ben matura e non trattata, non dovremo temere di ingerire zuccheri raffinati industrialmente. Le nostre marmellate raccontano qualcosa di noi, hanno il sapore di casa nostra: sono veramente uniche, e possiamo personalizzarne i vasetti con etichette che lascino spazio alla nostra creatività. È possibile conservare a lungo queste delizie casalinghe solo sterilizzando in pentola i recipienti pieni e ben chiusi, per il tempo sufficiente a uccidere i germi patogeni grazie all’azione del calore. (Nel libro a pagina 18 sono contenute le regole per una perfetta sterilizzazione). C’è poi un’altra considerazione non secondaria: cogliere un frutto in piena stagione significa godere al massimo non solo del suo sapore, ma anche di tutti i nutrienti che ci può offrire.

Marmellata di anguria

Ingredienti (dosi per 4 persone)

1 kg di polpa di anguria pulita,
½ limone con succo e scorza,
1 cucchiaino di vaniglia in polvere,
200 g di zucchero di canna integrale,
1 cucchiaino di agar-agar (è il prodotto ottenuto dalla lavorazione delle alghe rosse e viene utilizzato come gelificante vegetale).

Preparazione

Pulite con cura l’anguria togliendo buccia e semi, tagliatela a pezzettini e mettetela a macerare per una notte in frigo con la vaniglia, il succo di limone e lo zucchero.
L’indomani mettete la frutta e la scorza di limone in pentola nel liquido di macerazione e cuocete a fiamma moderata, mescolando spesso e facendo assorbire
gran parte del liquido. Quando diventa più compatta togliete le scorze e aggiungete l’agar-agar, precedentemente disciolto in poca acqua e lasciato riposare per 15 minuti. Mescolate bene e cuocete a fuoco vivo per cinque minuti prima di invasare.

Confettura di amarene

Ingredienti

1 kg di amarene,
100 g di malto 100% riso

Preparazione

Private le amarene del nocciolo e fatele cuocere senz’acqua finché non saranno spappolate e il succo non si sarà asciugato. Quando iniziano ad addensarsi aggiungete il malto e cuocete ancora per cinque minuti, mescolando spesso per non far attaccare. Invasate la marmellata ancora calda e conservate.

Zelia Pastore

Leggi anche altri articoli di questa rubrica:

Leggi anche la rubrica “Laudato si'”:

 

Check Also

Quel senatore che… era il mio papà!

“Uomini di altri tempi” di Giovanni Massobrio In una funzione religiosa svoltasi nella chiesa parrocchiale …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: