Home / La recensione / Quaresima, tempo di meditazione e conversione

Quaresima, tempo di meditazione e conversione

“La recensione” di Fabrizio Casazza

La Quaresima dovrebbe essere tempo propizio per la meditazione che aiuti a spronare alla conversione. Le edizioni Ares offrono due testi che possono servire a questo scopo.

Il primo libro è Signore, insegnaci a pregare (pp 292, euro 16), che riporta la trascrizione di alcune trasmissioni del venerabile arcivescovo Fulton J. Sheen. Fu un pioniere della comunicazione del vangelo, prima alla radio e poi in televisione, negli Stati Uniti del secolo scorso. Nato a El Paso (Texas) nel 1895, ordinato presbitero a Peoria (Illinois) nel 1919 e vescovo nel 1951, fu ausiliare di New York, padre conciliare al concilio Vaticano II, Ordinario di Rochester dal 1966 al 1969, anno in cui fu promosso arcivescovo e si ritirò. Morì nel 1979 e venne sepolto su sua richiesta nella cattedrale di New York. Nel 2012 Benedetto XVI riconoscendone le virtù lo proclamò Venerabile, mentre nel 2019 Francesco riconobbe l’autenticità del miracolo attribuito alla sua intercessione. La sua beatificazione, fissata per il 21 dicembre 2019, è stata rinviata a data da destinarsi in vista di ulteriori approfondimenti. Alla profondità teologica si unisce la chiarezza del linguaggio, come in questo caso: «Alcuni uomini si comportano verso Dio come fanno verso il loro Paese. Cercano di evitare di pagare le tasse, di sfuggire agli oneri pubblici, ma quando vedono minacciato il loro diritto di proprietà allora invocano il loro Paese a gran voce» (p. 257).

Il secondo testo è costituito dal primo volume delle Lettere (pp 286, euro 16) di san Josemaría Escrivá, presbitero, fondatore dell’Opus Dei. Si tratta di circolari ai suoi discepoli, inviate inizialmente in latino, dal 1930 al 1967. Il tema dominante è la santità nel quotidiano. Così, per esempio, esortava in una missiva: «La vostra vita e la mia devono essere molto normali: cerchiamo di far bene ogni giorno tutto quello che ci tocca fare abitualmente; svolgiamo nel mondo la nostra missione divina compiendo il piccolo dovere di ogni momento. Anzi, sforzandoci di compierlo, perché a volte non ci riusciremo e a sera, al momento dell’esame, dovremo dire al Signore: non ti offro virtù: oggi riesco a offrirti solo difetti ma, con la tua grazia, potrò arrivare a dichiararmi vincitore» (p. 53). La Quaresima, sostenuta dalla meditazione di questi volumi, partirà sicuramente con il giusto passo.

Leggi altri articoli de “La recensione”:

Check Also

La luce di un Altro: commento pastorale alle letture

La recensione Con la domenica di Cristo Re dell’universo (20 novembre) termina l’anno liturgico C …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: