Home / Guerra in Ucraina / «Una guerra contro il peccato»

«Una guerra contro il peccato»

Guerra in Ucraina

Le parole del patriarca Kirill, capo della Chiesa ortodossa russa, pronunciate al termine della divina liturgia celebrata nella domenica del perdono, domenica 6 marzo 2022: «Per otto anni ci sono stati tentativi di distruggere ciò che esiste nel Donbass. E nel Donbass c’è un rifiuto, un rifiuto fondamentale dei cosiddetti valori che vengono offerti oggi da coloro che rivendicano il potere mondiale. Oggi c’è un test per la fedeltà a questo nuovo ordine mondiale, una sorta di lasciapassare per quel mondo “felice”, il mondo del consumo eccessivo, il mondo della falsa “libertà”. Sapete qual è questo test? La prova è molto semplice e allo stesso tempo terribile: è la parata del Gay Pride. Le pretese di molti di tenere una parata gay sono una prova della loro fedeltà al nuovo ordine mondiale; e sappiamo che se le persone o i Paesi rifiutano queste richieste, allora non entrano in quell’ordine mondiale, ne diventano estranei».

Un appello di oltre 270 sacerdoti della Chiesa ortodossa russa per la cessazione della guerra e la pacificazione è stato lanciato su Internet martedì 1° marzo. «Noi sacerdoti e diaconi della Chiesa ortodossa russa, ciascuno a proprio nome, facciamo appello a tutti coloro da cui dipende la cessazione della guerra fratricida in Ucraina, e li esortiamo alla riconciliazione e alla cessazione immediata del fuoco. […] Noi siamo addolorati per il calvario che immeritatamente stanno subendo i nostri fratelli e sorelle in Ucraina. Affermiamo che la vita di ogni singola persona è un dono inestimabile e irripetibile di Dio, e perciò desideriamo che tutti i combattenti – russi e ucraini – tornino sani e salvi alle loro case e allo loro famiglie» si legge nell’appello. I sacerdoti concludono con queste parole: «Fermate la guerra».

La censura si abbatte anche sulle omelie dei sacerdoti e le loro prediche domenicali. Il sacerdote della parrocchia della Resurrezione di Cristo a Karabanovo, nella regione di Kostrom, Johann Budrin è stato fermato dalla polizia lunedì 7 marzo per la sua omelia di domenica scorsa. Dopo essere stato interrogato per oltre due ore e mezza, è stato rinviato a giudizio e dovrà comparire di fronte a un tribunale. Già poche ore dopo l’inizio dell’attacco russo in terra ucraina, il sacerdote aveva scritto sul social Vkontakte: «I soldati russi stanno uccidendo i loro fratelli e sorelle in Cristo. Noi cristiani non possiamo farci da parte quando un fratello uccide un fratello, un cristiano uccide un cristiano».

Fonti: lanuovaeuropa.org e agensir.it

Leggi anche:

Check Also

Due sacerdoti arrestati dai russi

Guerra in Ucraina I due sacerdoti redentoristi di Berdyansk, nella regione di Zaporizhzhia, padre Ivan …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: