Home / Chiesa / Il nostro Vescovo al Mladifest di Medjugorje

Il nostro Vescovo al Mladifest di Medjugorje

Festival dei Giovani

Il 32° Festival dei Giovani di quest’anno a Medjugorje si terrà dal 1° all’8 agosto con il motto “Che cosa devo fare di buono?” (Mt 19,16). Le giornate del Mladifest di quest’anno, a differenza dell’anno scorso, sono composte da programma mattutino e pomeridiano (preghiera, canto con orchestra e coro internazionale, catechesi, testimonianze) e programma serale (rosario, eucaristia, adorazione, preghiera a lume di candela, preghiera davanti alla croce, comunità cinematografiche Cenacolo).

Le celebrazioni della Messa al Mladifest saranno guidate dal cardinale Robert Sarah (nella foto qui sotto), il nunzio apostolico in Bosnia-Erzegovina, l’arcivescovo Luigi Pezzuto, l’arcivescovo Tadeusz Wojda, il vescovo di Alessandria Guido Gallese e padre Miljenko Šteko, provinciale della provincia francescana dell’Erzegovina.

«L’arrivo del cardinale Sarah, arcivescovo e vescovo al Mladifest è un grande evento e una grande gioia per tutti noi. I giovani sono felici quando vedono che i pastori sono con loro, e i pastori sono felici quando vedono tanti giovani che pregano e lodano il Signore» ha affermato padre Marinko Šakota, parroco di Medjugorje, che non ha aspettative sul numero di giovani che saranno al Mladifest di quest’anno che «quanti vengono, tutti sono i benvenuti».

«Il Mladifest a Medjugorje è un’esperienza di fede e di preghiera davvero speciale, davvero miracolosa. Tutto ciò che accade in quell’incontro di preghiera – a partire dalla presentazione delle nazioni, la preghiera del rosario sul Podbrdo, lodi mattutine, catechesi, testimonianze, coro e orchestra, volontari, programma di preghiera serale, rosario, eucaristia, adorazione, fiaccolate, processioni con statua della Madonna, spettacoli della comunità Cenacolo, missione e perdono, e alla fine dell’Eucaristia a Križevac alle 5 del mattino – tutti questi eventi sono di natura tale da elevare e coccolare l’anima, nutrirla con un sano cibo spirituale, riempila di una pace speciale e di una gioia speciale e dà forte incoraggiamento a continuare a vivere la fede e la preghiera, camminando con la Madonna e con Gesù nella tua vita quotidiana» prosegue padre Šakota.

«I giovani sono felici di vedere che i pastori sono con loro e i pastori sono felici di vedere tanti giovani che preano e lodano il Signore. È davvero meraviglioso come la vita si risveglia in tanti giovani durante il Festival dei Giovani, ci sono germi di amore e gentilezza, germi di gioia e come una misteriosa pace entra nei loro cuori. È una sensazione indescrivibile guardare i volti dei giovani e osservare come si sentono amati e accolti e come anche loro amano Dio, Gesù, Maria, la preghiera, l’Eucaristia, la confessione, l’adorazione. Difficile esprimere a parole quella tensione positiva che si avverte nell’aria, quell’attesa, quell’ascolto che regna nello spazio di preghiera davanti all’altare esterno. E la cosa più bella e meravigliosa è vedere come i giovani del Festival amano la Chiesa. Come amano i sacerdoti e come i sacerdoti si sentono amati e accettati» prosegue il parroco di Medjugorje.

Poi aggiunge: «Mladifest è un incontro di persone nella semplicità e nell’apertura del cuore. Quanta gioia, grazia, amore e pace. E una felicità indescrivibile. Tanti da tutto il mondo, e nessun estraneo. Quanti estranei, e tutti a noi cari. Nessuno sotto i riflettori e tutti con la sensazione di essere accettati e amati. Ci vediamo!».

Leggi anche l’intervista al vescovo su Medjugorje:

Leggi anche gli altri approfondimenti sulla Bosnia:

Check Also

«Lo Spirito Santo è l’attore principale del Sinodo»

Il Vescovo apre il cammino sinodale «Carissimi fratelli e sorelle, con questa celebrazione parte il …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: