Home / Chiesa / «Bisogna credere in quello che si fa»
Clicca e abbonati

«Bisogna credere in quello che si fa»

Preparazione al matrimonio

Luciano e Lorella Zanon sono due coniugi di Valmadonna che da anni tengono corsi pre-matrimoniali, indirizzati al matrimonio cristiano. Abbiamo sentito Luciano per avere informazioni sulla storia di questi corsi e sull’inizio di quello nuovo che partirà a novembre.

Luciano, dove e da quanto tempo lei e sua moglie organizzate questi appuntamenti?
«Ormai è da 25 anni che facciamo questi corsi. Avevamo cominciato con don Biagio in zona Tanaro, che comprendeva San Michele, Quargnento, Solero, Felizzano, Oviglio e Valmadonna. Io e mia moglie siamo cresciuti a San Michele e in parrocchia svolgiamo altre attività, pur abitando a Valmadonna. Attualmente svolgiamo i corsi nel salone polifunzionale nell’oratorio della chiesa di San Michele Arcangelo. I primi tempi a San Michele, con don Biagio, ci aiutavano i coniugi Como, poi siamo andati avanti da soli. Dopo don Biagio, c’è stato don Mario e poi soprattutto don Giuseppe Bodrati, con il quale ci conosciamo da tanti anni».

In quali date si sviluppa il corso di quest’anno?
«Ci saranno sei incontri in totale: il primo il 5 novembre, poi proseguiremo il 12, 19, il 26 e i primi due giovedì di dicembre. Covid permettendo, ovviamente: a causa del lockdown, avevamo già dovuto interrompere gli incontri del corso iniziato a febbraio concludendolo con due appuntamenti dopo la riapertura».

Da dove vengono i partecipanti ai vostri incontri?
«Prendiamo parrocchiani da diverse chiese della zona: da Solero, da Quargnento e da Alessandria. Abbiamo avuto anche alcune guardie carcerarie della Casa di reclusione di San Michele. Spesso sono i sacerdoti che indirizzano a noi i fedeli, specialmente in periodi come novembre e febbraio se non ci sono altri corsi di questo tipo. Magari in qualche parrocchia non fanno il corso o lo fanno una sola volta l’anno, mentre noi lo prepariamo due volte l’anno».

Quante coppie si aspetta che aderiscano? C’è una sorta di iscrizione al corso?
«A febbraio avevamo 6 coppie. Per novembre ci hanno già contattato telefonicamente 6/7 coppie, magari leggendo questo articolo altre si aggiungeranno. Comunque, non c’è iscrizione, all’orario prefissato nel giorno stabilito le coppie si incontrano e si raccontano le loro esperienze».

Come si svolgono gli incontri?
«I futuri sposi condividono il loro vissuto e i ricordi, come per esempio il momento in cui si sono incontrati per la prima volta. Anche io e mia moglie ci mettiamo in gioco per sciogliere il “ghiaccio” iniziale. Affrontiamo ovviamente temi importanti per le coppie e in particolare per gli sposi cristiani, che sono chiamati a fare una scelta importante. Spesso il corso riserva sorprese e pur partendo in sordina riesce ad assicurare davvero una bella atmosfera anche tra i vari partecipanti, che spesso fanno amicizia. Se c’è un buon numero di coppie, su whatsapp facciamo un gruppo per dare comunicazioni di vario tipo e tramite cui si può chiarire qualche dubbio. Questo gruppo lo creano sempre le coppie stesse, non lo facciamo mai io e mia moglie, e ci consente di frequente di tenere i rapporti con i nostri “alunni” anche per anni».

Quale obiettivo vi prefissate con questo corso?
«L’obiettivo che ci prefissiamo è quello di far passare il concetto che il matrimonio cristiano è tra due persone in carne ed ossa più un terzo individuo, Dio. Sposarsi in chiesa non è come sposarsi in Comune, c’è un cammino particolare da fare, e bisogna esserne consapevoli. I matrimoni cristiani sono una cosa seria, non mi sposo in chiesa per far piacere a ai parenti: bisogna credere in quello che si fa».

Marco Lovisolo

Check Also

VatiVision festeggia il primo anno con sette film

Il “Netflix” della fede VatiVision festeggia il suo primo anniversario con sette film disponibili fino …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: