Home / Alessandria / Stabiliti obiettivi e risorse per il 2022

Stabiliti obiettivi e risorse per il 2022

Fondazione cassa di risparmio di Alessandria

Il consiglio generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, presieduto dal notaio Luciano Mariano (nella foto), ha approvato all’unanimità il documento programmatico previsionale 2022 che definisce obiettivi e risorse per l’attività filantropica dell’ente. Nel 2022, la Fondazione metterà a disposizione del territorio di riferimento 5.140.000 euro con un incremento del 47% rispetto alle già significative risorse, pari a 3.500.000 euro, stanziate nel 2021. Le erogazioni a sostegno del territorio sono cresciute, consolidandosi, dai 2.164.624 euro del 2019, ai 3.187.870 euro del 2020 (+47% rispetto all’esercizio precedente), ai 3.500.000 euro del 2021 (+10%).

In particolare, oltre 4 milioni di euro verranno destinati a progetti ed erogazioni nell’ambito dei settori rilevanti d’intervento (arte, attività e beni culturali; volontariato, filantropia e beneficenza; sviluppo locale ed edilizia popolare, educazione, istruzione e formazione; protezione e qualità ambientale) e un milione di euro saranno riservati ai settori ammessi (ricerca scientifica e tecnologica; salute pubblica e medicina preventiva e riabilitativa; assistenza agli anziani, e Protezione civile) nella prospettiva di favorire un sostenibile sviluppo economico, culturale e sociale in partnership con le reti del territorio, gli enti non profit e le istituzioni. A queste risorse si sommano quelle per il sostegno al volontariato tramite il Fondo unico nazionale, a cui viene destinata per legge una quota dell’avanzo di esercizio e che andrà quindi a determinarsi con l’approvazione del bilancio di esercizio.

«Nonostante il contesto economico-finanziario di massima incertezza nel quale ci siamo trovare a operare, i risultati sono stati decisamente positivi a conferma della solidità dell’azione gestionale della Fondazione, sia nell’amministrazione del patrimonio sia nell’attività istituzionale, all’interno di una prospettiva strategica chiara e definita. La pianificazione degli interventi della Fondazione richiede, infatti, un’attenta riflessione sulle esigenze del territorio e una concreta collaborazione con le istituzioni e con tutte le forze economiche e sociali motivate a lavorare insieme nell’interesse comune. Inoltre, è per noi motivo di viva soddisfazione rilevare che i risultati conseguiti ci pongono in una posizione privilegiata nel panorama delle fondazioni bancarie piemontesi» afferma il presidente della Fondazione, Luciano Mariano.

Leggi anche:

Check Also

Terza dose, sarà l’Asl a chiamare

Regione Piemonte Al posto della libera prenotazione della terza dose dai 18 ai 79 anni, …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: