Home / Alessandria / Sport / Grigi / Grigi ancora senza vittoria, con il Montevarchi altra “x”

Grigi ancora senza vittoria, con il Montevarchi altra “x”

Contro i toscani, Alessandria due volte avanti. Ma finisce 2 a 2

Sabato (ore 14.30) a Cesena l’ultima del girone d’andata: in campo contro gli ex Prestia, Chiarello e Corazza

Non è andata come si sperava la sfida con il Montevarchi, perché ancora una volta i Grigi, al Moccagatta, non sono riusciti a fare bottino pieno contro una delle avversarie dirette in chiave salvezza.
Non è bastato neanche andare due volte in vantaggio per centrare una vittoria che manca da sei gare (la trasferta a Lucca di inizio novembre) e che tra le mura amiche latita addirittura da due mesi e mezzo (il successo di fine settembre sulla Carrarese).
Troppa paura, troppa tensione per una gara che si sapeva importante ma anche questo è un segnale non molto incoraggiante, visto che per una squadra che deve salvarsi ogni partita dovrebbe rappresentare sempre un’occasione da non sprecare.
«È vero, è stata una partita dominata dall’ansia – ammette Rebuffi – e questo ci ha impedito di essere lucidi e di gestire al meglio i due vantaggi. Sotto questo profilo dobbiamo crescere perché la nostra sarà fino all’ultimo una stagione di partite di sofferenza in cui mantenere attenzione e concentrazione sarà fondamentale».

E anche in chiave classifica questo pareggio pesa parecchio perché un successo avrebbe significato uscire dalla zona playout in cui invece l’Orso resta pesantemente invischiato, quartultimo a quota 15, uno in più di Olbia e Aquila Montevarchi e due in più del San Donato Tavarnelle. E con alle porte una gara tutt’altro che semplice: per la caratura dell’avversario, certo, visto che il Cesena di mister Toscano è terzo in classifica (a sole tre lunghezze dalla capolista Reggiana) ed è reduce dalla vittoria ottenuta in rimonta a Pesaro ma anche perché di fronte i Grigi si troveranno tanti ex, da Luca Coccolo a Giuseppe Prestia, passando per Riccardo Chiarello per finire con Simone Corazza (11 le sue reti fin qui).
Un tuffo nel passato che chiuderà il girone di andata. Sabato, all’Orogel Stadium, fischio di inizio alle 14.30.

Marina Feola 

Check Also

Meno male che Di Masi c’è

“La testa e la pancia” di Silvio Bolloli Vediamo di fare un breve riassunto delle …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: