Home / Rubriche / Riscopriamo l'arte / I Magi del Vasari

I Magi del Vasari

Il primo quadro del celebre artista a Bosco Marengo

Papa Pio V deliberò la costruzione del convento domenicano di Santa Croce nel suo paese natale con la bolla praeclarum quidem opus del 1° agosto 1566. Il complesso, che nell’intento iniziale del papa avrebbe dovuto accogliere le sue spoglie, non era ancora stato eretto ma Pio V, salito al soglio pontificio il 7 gennaio di quell’anno, già si preoccupava di dotarlo di preziose opere d’arte eseguite dai più rinomati artisti del tempo.

La chiesa è una delle primissime realizzate secondo i canoni controriformisti, rappresenta il rinnovamento dell’arte secondo gli orientamenti del Concilio di Trento e in essa si riflettono il programma e la personalità del rigoroso e riformatore papa fondatore.

Il complesso fu progettato dall’architetto perugino padre Ignazio Danti affiancato da Giacomo della Porta e da Martino Longhi (cantiere dal 1566 al 1572, poi ripreso vent’anni dopo, riaperto ancora nel Settecento).

All’interno è conservato un importante ciclo di opere di Giorgio Vasari, il mausoleo marmoreo del Pontefice, il coro ligneo e, nelle cappelle laterali tele del Moncalvo e di pittori lombardi.

L’Adorazione dei Magi (olio su tavola, 260x205cm) è la prima opera commissionata da papa Pio V al Vasari, insigne pittore, scultore, architetto e trattatista rinascimentale, all’apice del successo, all’inizio dell’estate del 1566 per la chiesa di Santa Croce di Bosco Marengo.

L’opera, espressione del virtuosismo dell’artista e della sua straordinaria capacità esecutiva, presenta una composizione ricca di personaggi rappresentati in diverse pose, attinti da un consolidato repertorio. La struttura è incentrata sulla figura della Madonna col Bambino e sui due Magi inginocchiati ai suoi piedi, che formano una sorta di triangolo ai lati del quale vengono  distribuiti gli altri personaggi. Gli eleganti panneggi, elaborati e finemente decorati, sono caratterizzati da ricercati effetti luministici e cromatici.

Alcuni anni prima, il pittore aretino era stato incaricato dal duca Cosimo I de’ Medici della progettazione e dell’esecuzione dei lavori degli uffici amministrativi e giudiziari di Firenze, gli “uffizi”, che furono trasformati in Galleria d’Arte dal successore di Cosimo, Francesco I, nel 1581.

Marie Christine Selea

About Redazione

Check Also

Ai poster l’arduo selfie

Una sagoma di cartone per sentirsi una celebrità. #selfie #sagoma #LaVoce

Lascia un commento