Home / Valenza / Cultura / I laureati dell’Upo trovano lavoro

I laureati dell’Upo trovano lavoro

Il Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea ha presentato il XX rapporto sul profilo e sulla condizione occupazionale al Convegno “Mutamenti strutturali, laureati e posti di lavoro”, all’Università di Torino. Le indagini hanno coinvolto i laureati di 74 università delle 75 a oggi aderenti al Consorzio, per un totale di oltre 276 mila laureati nel 2017. Per l’Università del Piemonte Orientale, i laureati nel 2017 sono 1.839. La quota di laureati di cittadinanza estera è in totale pari al 4,8%, mentre il 21,6% dei laureati proviene da fuori regione. È in possesso di un diploma liceale (classico, scientifico e linguistico) il 57,1% dei laureati, invece possiede un diploma tecnico il 28,8%, ed è residuale la quota con diploma professionale. L’età media alla laurea è 25,9 anni, un dato su cui incide il ritardo nell’iscrizione al percorso universitario. Infatti non tutti i diplomati si iscrivono all’università subito dopo aver ottenuto il titolo di scuola secondaria superiore. Il 59,2% dei laureati termina l’università in corso, e il voto medio di laurea è 100,1 su 110. Il 63% ha svolto un’attività lavorativa durante gli studi universitari. A un anno dal conseguimento del titolo della laurea triennale, il tasso di occupazione è dell’83%, quello di disoccupazione è pari al 10,7%, e il 14,9% prosegue il lavoro iniziato prima della laurea. Si è presa in esame l’efficacia del titolo nel mondo del lavoro: il 72% degli occupati considera il titolo molto efficace, o efficace, per il lavoro che svolge. Più nel dettaglio, il 61% dichiara di utilizzare in misura elevata, nel proprio lavoro, le competenze acquisite all’università. Tra i laureati magistrali biennali del 2016 intervistati a un anno dal conseguimento del titolo, il tasso di occupazione è pari all’85,6%, quello di disoccupazione è pari al 10,6% e il 48,3% prosegue il lavoro iniziato prima della laurea. Il 66,9% dei laureati è inserito nel settore privato, mentre il 28,1% nel pubblico. Il 92,3% è soddisfatto del rapporto con il corpo docente, e il 72,4% sceglierebbe lo stesso corso e lo stesso ateneo.

About Giorgio Ferrazzi

Servitore, capo #scout, amante della #grafica, studente di #ingegneria civile. Ho accettato un invito e... eccomi qui!

Check Also

«L’insegnante ha perso autorevolezza sociale»

Le scuole sono finite da poco, con la “coda” degli esami di maturità. Vogliamo fare …

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: