Home / Randonnée / Scout, tra Randonnée e Aquile Randagie
Clicca e abbonati

Scout, tra Randonnée e Aquile Randagie

Valenza

Quattro giorni con due partecipazioni da record, navigando sul Po e andando al cinema

Gli scout fanno sold-out. Si potrebbero riassumere così questi ultimi giorni: una serie di successi per il Gruppo scout Agesci Valenza 1, e non solo. Ma procediamo con ordine.
Valenza, sabato 28 settembre, primo pomeriggio. La sponda destra del fiume Po si popola: Inizia l’8a Randonnée sul fiume Po. Decine di giovani scout danno vita a zattere e imbarcazioni usando pali di legno, corde, bottiglie e bidoni di plastica. Arrivano anche alcuni temerari: c’è chi realizza una canoa con tubi di pvc, chi unisce bancali e bidoni stagni, e chi prova a combinare i diversi materiali galleggianti per un risultato singolare. I ragazzi mettono in campo le loro competenze apprese durante l’anno e ai campi estivi, il tutto condito con una buona dose di fantasia. Alcune imbarcazioni sono pronte: è tempo del varo e delle prove di galleggiabilità. La sicurezza è affidata ad alcuni Capi scout brevettati per il soccorso in ambiente fluviale presso la scuola “Rescue project”. C’è chi nuota, e chi deve sistemare pesi e galleggiablità.
Poi, la quiete: alle 18 c’è la Messa, presieduta da don Andrea Alessio. Alla celebrazione, sulla riva del fiume, prendono parte anche i lupetti della realtà scout della Madonnina con i loro capi del Valenza 2 e alcuni ragazzi dell’Oratorio delle parrocchie Duomo e Sacro Cuore. E poi, via: ci sono ancora zattere da assemblare e imbarcazioni da finire. Cala la sera, ma i lavori proseguono.
Domenica mattina, ore 8.45: i primi partecipanti alla Randonnée arrivano e sbrigano le ultime pratiche al banco delle segreteria: suddivisione in equipaggi, consegna dei salvagenti e delle pagaie e un ultimo ragguaglio su come vivere bene la discesa. Pronti? In acqua!

Sono 192 i partecipanti registrati: è record! Dal 2011 non si era mai vista così tanta gente. Tra gli scout c’è la zattera delle ragazze pon-pon, quella dei pirati e quella ispirata a Guerre stellari. E poi c’è l’equipaggio “Squadra di nuoto non sincronizzato” di cui fa parte anche una nonna ottantasettenne. Per non dimenticare la Banda Bassotti con cassaforte al seguito e la zattera dei Vigili del fuoco volontari di Valenza: sono in 14 su un’unica zattera! La navigazione prosegue tranquilla: canoe, kayak, zattere e barcé solcano le acque del fiume. C’è chi chiacchiera da una barca all’altra, chi si gode il sole e chi si ristora al bar galleggiante. Gli operatori della Croce rossa e gli scout nautici garantiscono che tutto proceda per il meglio. Dopo un paio d’ore i primi giungono alla spiaggia di Bassignana. Sono già in tanti ad attenderli: pian piano arrivano tutti e, dopo aver disassemblato tutto il possibile, si corre a pranzo. La Soms di Mugarone dà il meglio per sfamare i quasi 150 partecipanti. Per concludere, le immancabili premiazioni: c’è chi arriva da Lecce, chi da Vicenza, chi dal centro rafting “AqQua” di Vigevano. Senza dimenticare i più piccini, i più numerosi e i più fantasiosi.

La festa finisce, l’avventura continua: lunedì 30 settembre e martedì 1° ottobre al Cineteatro di Valenza si proietta “Aquile randagie” (nella foto qui sopra). Il film, ambientato tra il 1928 e il 1945, racconta la storia e le imprese di un gruppo di scout milanesi che decise di opporsi alle “Leggi fascistissime” e di proseguire le loro attività clandestinamente, restando fedeli alla loro Promessa scout e aiutando il prossimo in ogni circostanza. Grazie all’interessamento delle realtà scout valenzane e alla disponibilità del Valenza Teatro Social Club, entrambe le serate hanno visto la sala esaurire tutti e 97 i posti disponibili: scout in attività e d’un tempo, da Valenza, Alessandria, Casale Monferrato e Tortona si sono messi in poltrona insieme ad appassionati di storia e di cinema. Un film nato “dal basso” che ha dello spettacolare, non solo per i paesaggi dalla Val Codera (in provincia di Lecco), ma anche per i numeri che sta totalizzando: al botteghino è già al secondo posto in tutta Italia. Questo forse fa strano, ma si sa, come disse l’aquila randagia “Kelly”, «per essere fedeli, bisogna essere ribelli».

Giorgio Ferrazzi

Check Also

Il saluto a mons. Marasini

Valenza “Grazie, don Massimo. Due comunità una sola voce”. Così i parrocchiani del Duomo e …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: