Home / Rubriche / Collezionare per credere / Collezionare per Credere – Ecco «Wizzis» e «Stikeez»

Collezionare per Credere – Ecco «Wizzis» e «Stikeez»

L’ultima novità nel mondo delle collezioni non salta, non cammina, non corre, ma… Stikka! Gli «Stikeez» sono personaggi, all’inizio solo animaletti, di gomma con una piccola ventosa che aderisce perfettamente a tutte le superfici lisce. Quando sono nelle loro stikkobolle si può collegarli l’uno con l’altro in molti modi diversi: a coppie, in una lunga catena oppure componendo bellissime costruzioni. Amati dai più piccoli, questi gadgets incontrano anche il gusto degli adulti grazie alla ventosa, che permette di utilizzarli nei contesti più diversi, in macchina, sulla scrivania dell’ufficio… Ormai sono diventati una garanzia di successo a tal punto da coinvolgere catene di supermercati e famosi marchi di prodotti alimentari: i primi veicolano periodicamente gli stikeez in bustine che omaggiano con un tot di spesa. In vendita è possibile reperire un astuccio dove collocarli quando si va in giro e una coreografica scatola per alloggiarli «a mo’ di collezionista». Oppure c’è anche chi è più creativo e, come si vede sul sito «www.lacasanellaprateria. com», prepara un tutorial per trasformarli in… orecchini! Queste ventosine collezionabili sono riuscite a rimpiazzare molti altri gadget utilizzati fino a quel momento, come stickers, figurine e magneti… Infatti non si contano già più le serie finora emesse e qualche museo dovrà prendersi la briga di catalogarli; navigando su e-bay o altri siti, in tutto il mondo, ci si rende conto di quanto la mania sia dilagata in pochi anni e intanto le fabbriche continuano a sfornare, pardon, stikkare, serie nuove… Ogni eroe dei fumetti, da Batman ai Puffi o evento da calendario, sportivo (i Mondiali di calcio, ad esempio) ha già una serie di stikeez ufficiale. La stessa cosa non vale ancora per i «Wizzis», la nuova linea di personaggi con piedistallo rotondo che ha rallegrato le maestre d’inglese: infatti renderà più familiare da noi il termine «wiz» che significa «mago, genio», da cui «wizard, wizardry, witch, witchery, witchcraft, wit», parole connesse alla stregoneria e al mistero. I fan accaniti della prima (e per adesso unica) serie di wizzis fanno ipotizzare una prossima uscita. Le venti miniature, dedicate alla saga di Harry Potter e giunte di recente nei supermercati, presentano una base sotto la quale si nasconde un simbolo segreto associato a un incantesimo. Ci sono cinque diversi modi per far apparire l’incantesimo segreto: mettendo il wizzis alla luce del sole, al buio, al freddo, a contatto con il caldo o con una goccia d’acqua. Ciò rende, tuttavia, difficile un perfetto stato di conservazione di questa nuova raccolta, giocarci per credere!

Mara Ferrari

About Giorgio Ferrazzi

Servitore, capo #scout, amante della #grafica, studente di #ingegneria civile. Ho accettato un invito e... eccomi qui!

Check Also

Collezionare per Credere – Ecco la crossing poetry

A chi non è mai successo, sfogliando un libro di poesie o una raccolta di …

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: