Home / Alessandria / AlPride: «Chiediamo ai cattolici di capirci»
Clicca e abbonati

AlPride: «Chiediamo ai cattolici di capirci»

AlPride: «Chiediamo ai cattolici di capirci»

Sabato 1° giugno ad Alessandria si è svolto il primo “Pride” alessandrino. L’evento, partito da viale della Repubblica, ha coinvolto l’intera città arrivando sino al ponte Meier. Anche noi di Voce c’eravamo e abbiamo voluto raccogliere qualche impressione a caldo.

Il primo con cui scambiamo due parole è Riccardo, 31 anni, che si dichiara bisessuale: «Per me il “Pride” è una manifestazione di orgoglio, lo dice la parola stessa, ma è anche un momento in cui esplode una lotta per la rivendicazione dei diritti. Oggi scendono in piazza non solo le persone Lgbt (Lesbiche, gay, bisessuali e transgender, ndr), ma anche tutti quelli che vogliono appoggiare questo tipo di idea». La nostra società, secondo Riccardo «si è ammorbidita negli anni, anche se il problema peggiore rimane il pregiudizio delle persone che ci classificano come pericolosi, da reprimere, da spostare e da non vedere». E la Chiesa cattolica? «La Chiesa non si è mai espressa in modo specifico, a meno che una persona Lgbt rispettasse le indicazioni precise nel proprio percorso di fede. Credo che una manifestazione in cui ci si toglie di dosso il velo di omertà e paura, e ci si mostra davvero per come si è, possa davvero far paura alla Chiesa». Salutiamo Riccardo con un’ultima domanda: se avessi papa Francesco qui davanti cosa gli suggeriresti? «Io non sento il bisogno che la Chiesa approvi la mia bisessualità e il mio stile di vita. Ma al Papa direi di parlare con le persone Lgbt cattoliche per potersi confrontare».

Poco più avanti incontriamo Manuela, 21 anni, anche lei bisessuale: «Io non sono credente, ma come io non giudico chi è di fede cattolica, così allo stesso modo la Chiesa non deve giudicarci». E aggiunge: «Chiediamo ai cattolici di fare uno sforzo per capirci un po’ di più. Anche solo passare del tempo per conoscerci personalmente e avere una percezione della singola persona, non della massa. Perché ognuno ha la propria storia».

Tra le bandiere e i colori raggiungiamo Giuseppe, 21 anni, e la sua fidanzata: «Sono qui perché non esiste una differenza e partecipo al “Pride” per evitare che ci sia discriminazione dei diritti». Secondo il giovane, la società di oggi mette in contrasto “Pride” e “Family day”, «ma in realtà il primo aggiunge diritti, mentre l’altro li vuole togliere». E se il Papa fosse qui? «Io non parlerei di questo, perché capisco che per il suo ruolo non può essere totalmente a favore di una famiglia che non rispecchia i valori cristiani. Ma chiederei alla Chiesa di non fare commenti» conclude Giuseppe.

«C’è proprio bisogno di sensibilizzare sui temi dell’accoglienza e del riconoscimento delle diversità» ci racconta Elsa, 56 anni, etero. Mentre sulla posizione della Chiesa aggiunge: «C’è una sfera personale in cui nessuno può mettere becco, per cui è doveroso sospendere il giudizio. Direi che la Chiesa ha avuto situazioni scabrose in merito a questo tema, quindi chiedo di partire da un atteggiamento di tolleranza».

Il corteo sta per iniziare e facciamo ancora in tempo a raggiungere Emiliano, 49 anni, etero, che è al “Pride” con la figlia di sei anni: «Viste le ultime esternazioni politiche credo che sia doveroso manifestare per questi temi». E sulla famiglia aggiunge: «La famiglia tradizionale è dove c’è amore. Sia che si parli di amore tra uomini o tra donne. Se vivono bene la loro sessualità e c’è amore non vedo il problema».

Infine scambiamo due parole anche con Denise, 15 anni, lesbica: «Credo che esprimere i propri diritti ti renda più felice, anche con gli altri. Alla Chiesa non chiedo di accettarci, ma di avere rispetto».

foto prese dalla pagina Facebook di “Non una di meno”

Check Also

Oltre 90 medici-tutor per i giovani studenti

Azienda ospedaliera Si è svolta venerdì 18 settembre la prima Giornata di Formazione per tutor …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: