Home / Collegio Santa Chiara / Golosi sapori di Sicilia in tavola
Clicca e abbonati

Golosi sapori di Sicilia in tavola

Tradizioni natalizie in collegio

Siamo arrivati all’ultima tappa del nostro viaggio nei piatti natalizi degli studenti del Collegio Santa Chiara. Dal paté di fegato (secondo la ricetta della direttrice Carlotta Testa) al salmone ripieno (grazie ai consigli di Anna Castellini) passando per la fregola sarda con i frutti di mare di Ilaria Spagnolo. Per il gran finale andiamo in Sicilia, con l’antipasto di impanate gentilmente fornito da Andrea Nuncibello e il dolce di Fabrizio Leto, i “buccellati”, eredità gastronomica della nonna Lia. Buon appetito!

Fabrizio Leto (in foto qui sotto) è di Palermo, studia infermieristica, ha 22 anni e per lui in Natale è indelebilmente legato al sapore dei buccellati (nella foto di copertina): «Sono dei dolci ripieni di un impasto di fichi e mandorle, rivestiti di glassa di zucchero. Mia nonna Lia, che era di Santo Stefano di Quisquina (in provincia di Agrigento) ne faceva in gran quantità, per distribuirli ad amici e parenti».

Ingredienti

Per i biscotti: 500 g di farina; 120 g di zucchero; 50 g di strutto; mezza bustina di lievito in polvere per dolci; 2 uova; 150 g di latte intero; 2 gocce di succo di limone; 120 g di zucchero a velo.
Per il ripieno: 300 g di fichi secchi; 150 g di mandorle; 150 g di noci; 1 cucchiaino di cannella in polvere; 50 g di uvetta; 120 g di marmellata di arancia; 125 g di miele.

Preparazione

  • Per preparare l’impasto dei buccellati, mescolate la farina con lo zucchero, lo strutto, il lievito, un uovo e il latte, fino a formare un panetto compatto e liscio e fatelo riposare in frigorifero.
  • Per dare vita al ripieno, fate ammollare i fichi secchi per 30 minuti in acqua calda e passateli con il passaverdure.
  • Alla purea così ottenuta unite le mandorle, l’uvetta e le noci (precedentemente tritati nel mixer).
  • Aggiungete poi cannella, marmellata e miele e mescolate fino a formare un impasto sodo. Fate poi riposare il tutto per circa 30 minuti.
  • Una volta trascorso il tempo necessario, stendete l’impasto in sfoglie sottili e tagliate dei rettangoli lunghi. Al centro di ogni rettangolo, posizionate un “cordino” lungo quanto è grande la pasta.
  • Richiudete i bordi della pasta, formando un lungo cilindro. Tagliatelo a pezzettini di circa 5 cm e con l’aiuto di un coltellino a punta affilato, praticate 2 tagli, su ogni biscotto ripieno.
  • Sistemate i buccellati ottenuti su una teglia con carta forno.
  • Fateli cuocere in forno caldo a 180° per circa 20 minuti, fino a che non saranno leggermente dorati.
  • Toglieteli dal forno e fateli raffreddare prima di decorarli.
  • Ora che i buccellati sono pronti, iniziate a preparare la glassa per la decorazione: versate l’albume di un uovo in una ciotola e unite il succo di limone.
  • Iniziate a lavorarlo con le fruste, fino a farlo diventare bianco (non deve montarsi). Aggiungete lo zucchero a velo, fino a formare una glassa cremosa.
  • Sistemate i biscotti su una gratella e decorate la superficie con la glassa. Fateli asciugare prima di consumarli.
  • I buccellati si conservano, chiusi in un contenitore, fino a 15 giorni.

Andrea Nuncibello (in foto qui sotto) ha 21 anni e frequenta il terzo anno di informatica. A casa sua, a Niscemi (in Sicilia) il Natale portava con sé un importante carico di impanate, secondo la ricetta della nonna Maria.

Ingredienti per 18 impanate:

1 kg di farina; mezzo bicchiere olio evo; 1 cucchiaino di bicarbonato; 20 g di lievito; mezzo limone; 1 kg e mezzo di broccoli; 1 cipolla ; pepe e sale qb; prezzemolo.

Preparazione

  • Per prima cosa bisogna far sbollentare i broccoli per ammorbidirli.
  • Tagliateli poi a pezzettini piccoli e metteteli in un recipiente con la cipolla, il prezzemolo, il sale, l’olio e il pepe, aggiungete due cucchiaini di olio evo e mescolate il tutto per bene.
  • Per l’impasto, sciogliete il lievito con acqua tiepida, mettetelo in una ciotola e versateci dentro la farina, mezzo bicchiere di olio, un cucchiaino di sale, il succo di mezzo limone e un cucchiaino di bicarbonato.
  • Impastate poi con le mani il tutto e lasciate riposare per dieci minuti.
  • A questo punto, con il matterello rendete l’impasto molto fine e versateci sopra il contenuto del ripieno.
  • Arrotolate il tutto fino a creare un lungo cilindro e tagliate 18 parti (ciascuna di circa 15 cm)
  • Richiudete con cura ogni singola impanata e mettetele in forno a 180° per un’ora.

Zelia Pastore

Leggi anche:

La Voce degli Ex studenti:

Per maggiori informazioni, visita il sito del Collegio Santa Chiara

Check Also

Da Brescia… al Santa Chiara!

Le storie del Collegio Nella scorsa puntata abbiamo imparato a cucinare il paté di fegato …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: