Home / Prima pagina / Editoriale / Le opere che nascono dalla fede
Clicca e abbonati

Le opere che nascono dalla fede

L’Editoriale di Andrea Antonuccio

Care lettrici, cari lettori,

apriamo il numero di questa settimana con il ricordo di una figura “storica” dell’Azione Cattolica alessandrina e della nostra diocesi. Sto parlando di Lilia Testa, tornata alla Casa del Padre lunedì scorso. Non spetta a me scrivere di una donna che ha lasciato un segno così chiaro, dal momento che non l’ho mai conosciuta di persona.

Me ne aveva parlato assai bene mia madre (entrambe insegnavano matematica) e in molte interviste per Voce il suo nome veniva fuori naturalmente, come origine di iniziative o sostegno di tante persone. Abbiamo allora interpellato gli amici a lei più vicini (leggerete altre testimonianze nel prossimo numero) perché ci restituissero qualcosa della sua personalità e della sua fede. Oltre che delle sue opere: perché, come scriveva San Giacomo nella sua Lettera, «la fede senza le opere è morta» (Gc 2,26).

Anche papa Francesco, in un’omelia a Santa Marta del 2014, così commentava il passo dell’Apostolo: «La sua affermazione è chiara: la fede senza il frutto nella vita, una fede che non dà frutto nelle opere, non è fede». E ancora: «Anche noi sbagliamo tante volte su questo: “Ma io ho tanta fede”, sentiamo dire. “Io credo tutto, tutto…”. E forse questa persona che dice quello ha una vita tiepida, debole. La sua fede è come una teoria, ma non è viva nella sua vita.

L’Apostolo Giacomo, quando parla di fede, parla proprio della dottrina, di quello che è il contenuto della fede. Ma voi potete conoscere tutti i comandamenti, tutte le profezie, tutte le verità di fede, ma se questo non va alla pratica, non va alle opere, non serve». Quella di Lilia (mia nuova amica in Paradiso) è stata una vita di opere scaturite dalla sua fede. Non un fare solo per “fare”, dunque, ma una risposta sincera e totale al Signore. Da lei vorrei imparare proprio questo.

Leggi anche altri editoriali:

 

Check Also

Diventare adulti cancella la memoria

Il #granellodisenape di Enzo Governale Diventare adulti cancella la memoria Indignazioni, prese di posizione, abusi …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: