Home / Alessandria / Centauri a Castellazzo si riparte dalla fede
Clicca e abbonati

Centauri a Castellazzo si riparte dalla fede

Domenica 12 luglio Santa Messa con il Vescovo

Domenica 12 luglio si svolgerà la festa della Madonnina dei Centauri. La tradizionale sfilata è stata rinviata a causa dell’emergenza sanitaria, ma i motociclisti di tutto il mondo potranno rendere omaggio alla loro Patrona con la Santa Messa. Dalle ore 10, dal Santuario della Beata Vergine della Creta di Castellazzo Bormida (AL), monsignor Guido Gallese presiederà la celebrazione. Il numero dei posti a sedere per i Centauri sarà ristretto, secondo le norme vigenti. Per questo la Messa verrà trasmessa in streaming sui canali social della Diocesi di Alessandria: dalla pagina Facebook e dal canale YouTube. Al termine della funzione, verso le 11.15, sempre in diretta streaming (e anche su RadioGold Tv, canale 654 del digitale terrestre), si svolgerà il talk “La Madonnina dei Centauri”: sacerdoti, motociclisti e autorità racconteranno il loro personale legame con la Madonna della Creta.

«Sono molto contento perché la richiesta è partita dai Centauri stessi. Anche se non ci sarà il tradizionale raduno, la vera sostanza che è la Santa Messa si celebrerà» racconta don Vincenzo Pawlos, rettore del Santuario della Beata Vergine della Creta di Castellazzo Bormida. «Si svolgerà tutto in modo molto semplice. La Messa verrà presieduta dal nostro vescovo, monsignor Guido Gallese, con un numero molto limitato. Non ci sarà la sfilata da Alessandria a Castellazzo e viceversa. E, alla fine, ci saranno la benedizione delle moto, i Centauri del paese e altre rappresentazioni» prosegue don Vincenzo. Il rettore del Santuario poi conclude con un augurio: «Alla Madonna della Creta chiedo che questa occasione diventi per tutti opportunità di attaccamento e devozione a Maria. In questi anni ho constatato che in alcuni momenti la devozione passava in secondo piano. Quest’anno spero che si possa ripartire dalla fede. La devozione mariana, come per tutti i cristiani, dev’essere centrale nella vita. E questo è ciò che mi auguro, per me e per chi parteciperà a questa edizione».

Il vicepresidente del “Moto Club Castellazzo Bormida”, Salvatore Bongiovanni, ci racconta: «Siamo molto contenti di poter continuare a omaggiare la Madonna dei Centauri. Non abbiamo ancora una previsione di adesione, ma ci siamo molto adoperati per fare in modo che anche quest’anno ci fosse un momento dedicato a Lei. Tutto è partito dalla domanda di un motociclista: “Ma perché non si fa la Messa anche in questo difficile luglio?”. E così sarà». Ma qual è il significato di questa manifestazione, in un periodo così difficile? «L’unico segnale che vogliamo dare è quello della vicinanza tra i motociclisti e il santuario. Non si tratta di un raduno ma di una Messa, quindi per tanti sarà la prova del nove» prosegue Bongiovanni. Quella per la Madonna della Creta è una devozione che va avanti negli anni: «Personalmente sono molto legato alla Madonnina dei Centauri. Le racconto giusto l’ultimo episodio che mi è capitato. Mi sono ribaltato con il motocarro che doveva portare la lampada votiva a Roma dal Papa per farla benedire. Ho rischiato la vita, ma se sono ancora qui a parlarle è perché la Madonna ci ha messo la sua mano» conclude il vicepresidente.

Molti lettori e fedeli avranno notato che, negli ultimi tempi, a parlare degli eventi diocesani non sono solo i nostri strumenti di comunicazione, ma anche gli altri media locali che abitualmente raccontano il nostro territorio. «Questo è uno dei principali obiettivi delle Comunicazioni sociali: fare della comunicazione un’occasione di incontro, di relazione» spiega Enzo Governale, direttore delle Comunicazioni sociali della Diocesi. «Ogni strumento coinvolto parla a un suo pubblico con il suo linguaggio, e questo ci permette di raggiungere anche chi solitamente non frequenta i nostri ambienti. Così cerchiamo di dare il nostro contributo all’azione dello Spirito Santo».

Alessandro Venticinque
(ha collaborato Zelia Pastore)

Leggi anche:

Check Also

L’Upo è un ateneo di qualità: lo dicono i dati

Dal V report di “AlmaLaurea” L’Università del Piemonte orientale è un ateneo di qualità, con …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: