Home / Alessandria / Sport / Grigi / In attesa del “verbo”

In attesa del “verbo”

“La testa e la pancia” di Silvio Bolloli

Siamo il settimanale diocesano e, sia pur con tutte le licenze giornalistiche del caso, mi pare opportuno ricorrere alla minuscola a precisazione del fatto che il “verbo”, ovviamente, è quello di Luca Di Masi, da oltre otto anni presidente e Patron (come si diceva una volta) dell’Alessandria Calcio il quale, da qui a una settimana all’incirca, dovrebbe far conoscere le proprie intenzioni susseguenti alla sconfitta più cocente del suo percorso al timone della società.

È ovvio, in queste settimane, in città, si sono susseguite ridde di voci sia sulla ricerca dei colpevoli della clamorosa retrocessione che sulle intenzioni del Presidente all’insegna del: «Resta o se ne va?». Non so se, da qui al venturo numero, la riserva sarà stata sciolta ma è opportuno ricordare fin da adesso che se restare potrebbe non essere molto semplice dinanzi alla prospettiva di dover ricominciare tutto daccapo, c’è anche da dire che lasciare una squadra di calcio non è proprio come dismettere un abito usato.

Anzitutto perché si tratta di vedere se dietro l’uscio c’è un acquirente pronto e adeguatamente attrezzato (sia in termini di denari che di competenza sportiva) e poi perché, in caso contrario, si rischierebbe semplicemente di portare la società all’estinzione. Un ex presidente, molti anni fa, mi ricordò che il suo predecessore, al momento di vendergli i Grigi, aveva stabilito un prezzo non negoziabile accompagnandolo alle seguenti parole: «Se le va bene è così, sennò faccio fallire la società». Andando oltre ogni sconforto, voglio allora sperare che Il grande amore di Di Masi per la maglia grigia possa prevalere rispetto ad ogni tentazione oscura.

Leggi anche:

Check Also

Nella buona e nella cattiva sorte

“La testa e la pancia” di Silvio Bolloli Alcuni anni fa, allorquando il Cavaliere di …

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: